Migliora la vita dei pet cliccando qui!

Pubblicità

Come avviene il periodo di socializzazione del cane?

Cani che giocano tra loro

Tutto quello che dovete sapere sul periodo di socializzazione del cane.

© manushot / Shutterstock

Il periodo di socializzazione del cane aiuta il 4 zampe a vivere meglio in famiglia e nel mondo esterno. Come migliorare il rapporto con gli altri?

Di Claudia Scarciolla

aggiornato il 30/06/21, 17:05

Il periodo di socializzazione del cane offre all’animale le basi per poter stare bene con gli altri ed è importante per il totale benessere del nostro amico a quattrozampe.

Socializzare per un cane è sinonimo del prendere contatto con il mondo che lo circonda, facendo in modo che possa sentirsi a suo agio anche in situazioni nuove, in presenza di altri cani o persone.

Socializzazione e relazione cane e padrone: i consigli dell’istruttore

 Quando inizia il periodo di socializzazione del cane?

Il cane è un essere sociale per antonomasia poichè da sempre ha vissuto in branco e ama il contatto con la famiglia, che sia questa canina o umana. La sua attitudine espansiva e curiosa è innata e inizia a formarsi già a partire dalla 4° settimana di vita.

Non tutti i cani, però, amano socializzare e, soprattutto, per i cani già adulti, questo aspetto dell’addestramento può risultare più difficile.

Un socializzazione avvenuta precocemente quando il cane è ancora cucciolo, entro i tre mesi sarebbe l’ideale, è il punto di partenza per una vita serena e tranquilla da adulti.

Come migliorare il rapporto tra cani e bambini? I nostri consigli

Perché è importante il periodo di socializzazione del cane?

Stimolare lo stare in compagnia di altri animali e persone nuove, fargli fare esperienze diverse, come il portarlo a passeggiare dopo aver accuratamente protetto la sua salute con le dovute vaccinazioni, consentirà al cane di stare bene con sé, senza incanalare nell'aggressività emozioni di paura e ansia da stress che alcune situazioni potrebbero causargli.

Tutto questo è alla base di un’attenta osservazione del comportamento del proprio cane. Infatti, ogni esemplare è diverso da altri e non sono questioni di razza, età o sesso ad influenzare in alcun modo il suo voler stare o meno con gli altri.

Come funziona il periodo di socializzazione del cane?

Grazie all’imprinting un cucciolo di cane apprende, subito dopo la sua nascita, a riconoscere la sua specie d’appartenenza.

Un allontanamento precoce dalla mamma e dalla cucciolata di fratelli e sorelle, potrebbe comportare problematiche inerenti la formazione del suo carattere e la capacità di entrare in contatto con altri suoi simili.

Fino a circa 2 mesi di vita il cane apprende come interagire e relazionarsi con altri cani, poi fino alle 12 settimane socializza con persone e altre specie di animali per poi scoprire e abituarsi all’ambiente circostante.

Ed è da questo momento in poi, che una volta adottato un cane cucciolo, la sua socializzazione va supportata.

L’addestramento per cani alla socializzazione

Armati di un atteggiamento positivo e propositivo, ma anche di tanta pazienza sarà possibile iniziare l’addestramento del cane allo stare bene con gli altri.

Ovviamente questo non basta e vi sono cose che è meglio non fare durante il periodo di socializzazione del cane per evitare che Fido si senta, emotivamente parlando, a disagio.

Socializzazione tra due o più cani

La socializzazione tra due o più cani può avvenire con o senza guinzaglio. Sta al padrone o all’educatore decidere se lasciarglielo indossare o meno.

Il guinzaglio è uno strumento di comunicazione che ha l’obiettivo di proteggere il cane invitandolo a smettere ciò che sta facendo, quando è andato oltre. Ma ciò non giustifica strattoni improvvisi o anche violenti che trasmettono al cane sensazioni ed emozioni di paura e stress che lo rendono, in questo modo, meno propenso al contatto con altri cani.

Al contrario, però, un atteggiamento troppo propositivo che induce il cane a trascorrere del tempo con altri cani e/o persone che non conosce può risultare pressante per l’animale.

Parte della socializzazione, infatti, include, da parte del padrone, il prevedere situazioni che possano stressare il cane e la gestione di alcuni suoi comportamenti.

Ad esempio, un comportamento da evitare e gestire è quello di due cani che dopo essersi annusati e aver giocato per un pò, si fomentano tanto da arrivare a porsi su due zampe, come se si stessero abbracciando.

Questo loro atteggiamento può essere l’inizio di una spiacevole baruffa tra i due alla quale si dovrà porre rimedio il prima possibile.

Supportare il cane gradualmente a stare in compagnia dei suoi simili, magari invitando in casa e/o incontrando amici che possiedono a loro volta cani può essere d’aiuto durante le prime fasi di questa sua familiarizzazione.

Per i cani adulti, in modo particolare quelli con un passato difficile e che tendono a non socializzare facilmente, esistono delle classi di socializzazione organizzate da esperti, educatori cinofili specializzati, che con l’aiuto dei padroni, aiutano i cani ad apprendere come interagire tra loro, prevedendo ed evitando che il loro disagio si tramuti in disturbi del comportamento.

Come far socializzare cane e gatto?

Solitamente il periodo di socializzazione del cane si conclude spontaneamente a tre mesi di vita. Quando si vuole adottare un cucciolo di gatto, questo è il momento ideale per riuscire a creare, rapidamente, una pacifica sintonia e interazione tra i due animali da compagnia.

Superato questo periodo, abituare il cane al gatto potrebbe risultare più ostico, in base al carattere specifico dei due, ma non è impossibile farli convivere serenamente sotto lo stesso tetto.

L'obiettivo della socializzazione del cane

L'addestramento per cani non sempre insegna a Fido la disciplina, ma lo aiuta anche a stare in pace con se stesso e con le sue emozioni aiutandolo a sentirsi a proprio agio con altri suoi simili e con persone che non conosce.

Quando un cane abbaia o risulta essere troppo aggressivo sta comunicandoci questo suo malessere.

Osservando il suo atteggiamento sarà possibile migliorarne il comportamento nel rispetto della sua personalità che fa in modo di renderlo unico!

---

Articolo revisionato da:

Francesco Reina
Assistente veterinario