Pubblicità

Quali sono le malattie umane trasmissibili al cane?

Uomo e Bulldog Francese si coccolano

Quali sono le malattie umane trasmissibili al cane?

© Pixabay

Le zoonosi sono malattie che possono essere trasmesse dagli animali all'uomo, e viceversa. Vediamo quali sono le malattie umane trasmissibili al cane.

Di Flavia Chianese

Pubblicato il

La salute umana e quella dei nostri animali sono strettamente interconnesse, in quanto condividiamo con loro gli spazi, li teniamo a stretto contatto (a volte anche esagerando!) e ci prendiamo cura della loro salute. Sappiamo che esistono diverse malattie che il nostro cane o il nostro gatto possono trasmetterci.

Ma quali sono le malattie umane trasmissibili al cane? In quali casi Fido può essere contagiato? Scopriamolo!

Quali sono le malattie umane trasmissibili al cane?

Le malattie infettive possono essere molto diverse tra loro: ciò dipende dall'identità dell'agente eziologico responsabile dell'infezione.

Nel caso della febbre del Nilo ad esempio, il vettore che trasporta il virus è la zanzara, che può pungere sia l'uomo, che cane e il gatto. Più in generale le malattie umane trasmissibili al cane possono essere veicolate da virus, parassiti, batteri e funghi.

Virus

Molto spesso i virus che infettano i nostri amici a 4 zampe sono specie-specifici, ciò significa che hanno la capacità di infettare solo il cane, solo l'uomo o solo il gatto, ad esempio. Dunque il rischio di trasmissione di malattie virali direttamente dal cane all'uomo non è così frequente, ma neanche impossibile. Il cimurro del cane ad esempio non è trasmissibile all'uomo, così come il Coronavirus.

Il virus della parotite (i classici orecchioni) invece può essere trasmesso al cane attraverso il contatto di fluidi corporei, come starnuti e goccioline di saliva.

Parassiti

Anche nel caso dei parassiti c'è spesso una predilezione per un unico ospite definitivo da infettare, dunque il cane o l'uomo. Tuttavia, ci sono situazioni in cui un'altra specie diventa l'ospite intermedioIl modo più comune per veicolare un parassita dall'uomo al cane è quello di essere stati a contatto recente con un animale infetto. 

Alcuni parassiti infatti hanno la capacità di stazionare nell'uomo in attesa di passare all'ospite prediletto (come nel caso della scabbia). Un esempio di parassiti che possono vivere sia nel cane che nel corpo umano sono i pidocchi, ma anche alcuni tipi di zecche.

Batteri

I batteri sono molto più cosmopoliti, il che significa che possono presentarsi in specie diverse e queste specie possono infettarsi a vicenda. Questo può essere il caso della salmonellosi o dell'infezione da stafilococco.

Miceti (funghi)

La tigna della pelle è causata da un fungo ed è causa di un problema dermatologico abbastanza comune, sia nell'uomo che nel cane. Comunemente la tigna si contrae venendo a contatto con animali selvatici o randagi, ma vi è rischio non solo di infettarsi, ma anche di trasmettere la malattia al proprio animale. Anche i bambini possono contrarla!

Come proteggere il cane quando si ha una malattia infettiva?

Il cane e il padrone possono scambiarsi malattie. ©Pixabay

Parlatene con il medico di famiglia

Anche se abbiamo visto che le probabilità di contrarre una malattia infettiva contagiosa per il cane non è poi così comune, non bisogna comunque sottovalutare tale rischio. Parlate con il medico di famiglia e domandate se la vostra patologia può arrecare danni al vostro amico a 4 zampe.

Mantenete un ottimo livello di igiene domestica

Se così fosse, è importante limitare al minimo il contatto con il cane. Se non è possibile, usate dei dispositivi di protezione e ricordate di mantenere sempre un elevato grado di igiene, lavando e disinfettando accuratamente gli ambienti contaminati e comuni. 

Non dare integratori o vitamine

Non ha senso dare al tuo animale domestico vitamine o integratori "di riserva" se il cane è ancora sano, ma temiamo di infettarlo. Tanto più che non possiamo dare al cane farmaci umani senza il consenso del veterinario.

Se siamo preoccupati per il sistema immunitario del nostro animale domestico, vale la pena osservare eventuali cambiamenti nel comportamento, come la perdita di appetito o di vitalità; ma anche del fisico, come l'aspetto delle mucose e del pelo. 

Se ci sono deviazioni dalla normalità, vale la pena andare dal veterinario per un controllo e poi procedere secondo le sue indicazioni. 

Ricordiamo che non solo l'uomo può essere contagiato dai cani, perché nel caso di molti disturbi funziona anche il contrario. Non sottovalutiamo eventuali sintomi insoliti e fastidiosi. Così facendo potremo agire in modo rapido ed efficace, domando la malattia al momento giusto!

Lascia un commento
0 commenti
Conferma della rimozione

Sei sicuro di voler cancellare il commento?

Collegati per commentare