Instagram

È Natale! Tanti buoni sconto per voi🎄

Pubblicità

Alla scoperta delle razze di cani africani

due-tipi-di-cane-africano advice

Oggi scopriamo insieme le razze di cani africani.

© Shutterstock

L'Africa è conosciuta per animali come leoni, elefanti, zebre e giraffe. Ma sai che esistono razze di cani africani sempre più popolari? Scopriamole!

Di Anna Paola Bellini

Pubblicato il 30/10/20, 21:09

Il cane è una specie presente in tutto il mondo e per 7 miliardi di esseri umani, ci sono 525 milioni di cani domestici. Dal freddo dell'Artico fino al caldo del Sahara, il migliore amico dell’uomo è sempre accanto a lui.

Ed oggi vi parliamo della razze di cani africani, poco note nel nostro paese, ma che meritano di essere conosciute in tutte le loro caratteristiche.

L’Africa è il continente più difficile da identificare quando si tratta di cani proprio perché quando pensiamo a questo continente la prima cosa che ci viene in mente sono i leoni, gli elefanti, animali selvatici…non tanto i cagnolini!

Quindi prendiamoci qualche minuto per scoprire la vita di queste razze canine africane, tra deserti e steppe selvagge.

Storia dei cani africani

Presente in Africa dal quinto millennio, il cane rimarrà a lungo nel Nord del paese, soprattutto in Egitto, per espandersi nel resto dell'Africa secoli dopo.

Con l’arrivo delle colonie in questo continente sono arrivati anche gli esemplari di cani europei e quindi alcune razze tipiche africane sono state create proprio dall’incrocio con razze proveniente dal nostro continente.

Ciò è accaduto sopratutto in Sudafrica, dove ritroviamo il Rhodesian Ridgeback o il Boerboel.

Il Cane selvatico africano

Nonostante ciò, è bene sottolineare che in Africa, prima dell’arrivo dei coloni, c'erano già animali considerati come cani ma non addomesticati, come il Licaone per esempio.

licaone per terra
Le orecchie del Licaono ricordano il topo più famoso del mondo. © Shuttersrock

Quest'ultimo è in realtà un cane selvatico che vive in un branco nella savana. La sua particolarità è quella di avere le orecchie come quelle di Topolino.

Ciò che differenzia il Licaone dal canide domestico sono anche le zampe: il primo ha 4 dita, mentre i cani ne hanno 5.

La lista delle razze di cani africani

Come vedrete da quelle menzionate di seguito, le razze di cani africani sono molto varie per aspetto, temperamento e origine. E mentre alcuni esemplari sono sempre più celebri nel resto del mondo, altre rimangono adottate principalmente in Africa.

Anche se sono molto diverse tra loro, ognuna di queste razze è affascinante a modo suo.

Coton de tulear

Coton de tulear su sfondo nero
L'avreste mai detto che il Coton de tulear è originario dell'Africa? © Shutterstock

Quando si pensa alle razze di cani dell'Africa, la maggior parte delle persone immagina animali atletici, potenti e dalla forte personalità. Per questa ragione quando poi scoprono che il Coton de tulear, un piccolo e soffice cane da compagnia, proviene da questo continente, rimangono a bocca aperta. 

Questa dolce e piccola creatura (che non pesa più di 6 kg!) è nata sull'isola africana del Madagascar e prende il nome dalla città portuale di Tulear. Era uno dei cani preferiti dalla nobiltà locale e per un certo periodo è stato addirittura illegale per i popolani esserne in possesso.

Esemplare dolce e coccolone con un carattere clownesco, il Coton de Tulear è sempre pronto a divertirsi. Questo simpatico cagnolino con il mantello morbidoso è imparentato con il Bichon à poil frisé e il Maltese.

Rhodesian Ridgeback

Rhodesian Ridgeback in strada
Il Rhodesian Ridgeback è un esemplare molto muscoloso. © Shuttersock

La più popolare delle razze di cani africani è probabilmente il Rhodesian Ridgeback, esemplare proveniente dal Sud Africa creato quando i cani da caccia locali sono stati fatti accoppiare con i cani europei alla fine del XIX secolo.

Questa incrocio diede vita ad un cane abbastanza feroce e impavido capace di respingere animali pericolosi come leoni, leopardi e babbuini (e come cane usato per la caccia al leone), ma allo stesso tempo di obbedire ai comandi dei suoi padroni.

La personalità di questo cane è affettuosa, equilibrata e leale. Istintivamente, però, ha ancora una vena indipendente e un forte desiderio di cacciare, il ché lo rende un cane adatto a proprietari esperti.

Basenji

Basenji in un prato
Il Basenji è l'esemplare africano più noto. © Shutterstock

Il Basenji è un cane piccolo e grazioso; sono dei segugi riconoscibili per il loro pelo corto e brillante, la coda arricciata, la fronte rugosa e gli occhi espressivi a mandorla che trasmettono una varietà di sottili emozioni umane.

Cani africani originariamente utilizzati per spingere la piccola selvaggina nelle tane del cacciatore e per controllare le popolazioni di roditori dei villaggi, sono ancora oggi sfruttati per le loro doti da lavoro.

Intelligente e accattivante, è un buon compagno per una persona o l'intera famiglia, anche se deve essere abituato a socializzare fin da cucciolo perché altrimenti rischia di non andare d'accordo con gli altri cani, i gatti e gli estranei.

Boerboel

Boerboel in un prato
Il Boerboel è un esemplare davvero possente. © Shutterstock

Il Boerboel è un'altra razza di cani africani. Si tratta di uno dei cani più potenti del mondo che è stato allevato per sorvegliare la casa... E con un'altezza di 70 cm e un peso che può raggiungere finanche i 90 kg, diciamo che è un cane che riesce in questo compito!

Fortunatamente, con un addestramento adeguato e il giusto padrone, il Boerboel è un cane sicuro e tranquillo che serve i suoi compagni umani con la massima fedeltà.

Con le sue imponenti dimensioni e i suoi forti istinti, questa non è una razza per proprietari alle prime armi. Ha bisogno di un proprietario dedicato ed esperto, con una grande casa e molto terreno per ospitarlo.

Sloughi

Sloughi in un prato
Lo Sloughi ha un corpo snellissimo. © Shutterstock

Lo Sloughi è una razza di cani africani, precisamente della parte nord del continente, nota per le sue abilità da cacciatore, la velocità e la resistenza sulle lunghe distanze. Diffuso in Marocco così come in Algeria, Tunisia e Libia, questo esemplare è in gran parte immutato dai tempi antichi e ha il soprannome di Levriero arabo.

È un cane lungo e molto magro con un'andatura aggraziata. Per quanto riguarda la personalità, è intelligente e leale, anche se un po' distaccato. Essendo un esemplare consapevole ed indipendente non risponde bene all'educazione. 

I suoi proprietari dovranno essere gentili e pazienti, oltre ad avere a disposizione molto spazio per gestire lo Sloughi al meglio.

Chinese Crested Dog

cane crestato cinese
Il Cane crestato cinese ha origini africane. ©Shutterstock

Per quanto strano possa sembrare, il Cane crestato cinese proviene in realtà dal continente africano. Si ritiene, infatti, che le origini di questo cane seminudo siano da ricercare in Africa dove, in altri tempi si sarebbe chiamato African Hairless Terrier.

Questa razza esiste in due varietà: Powder Puff (manto lungo dal pelo sottile) o nuda (con peli solo su testa, zampe e coda). 

I Chinese Crested Dog sono divertenti come sembrano: giocherelloni, amorevoli e devoti ai loro padroni umani. Il senza pelo ha i suoi vantaggi: non c'è odore di cane, e per ovvie ragioni la muta annuale non è un gran problema.