News :
wamiz-v3_1

Che razza di cani fa per te?🐶🐶🐶

Pubblicità

Il cane, il primo tra gli animali da compagnia

cane-e-bimbo-davanti-finestra advice

Un cane in casa assicura un benessere diffuso a tutta la famiglia.

© Shutterstock

Gli animali da compagnia sono un vero toccasana per l'essere umano e diversi studi scientifici dimostrano che aiutano a diminuire lo stress quotidiano. Allora perché non parlare del cane, da sempre migliore amico dell'uomo?

Di Giulia Vola

Chi ce l’ha lo sa già: un cane che scodinzola per casa assicura i benefici di una Pet therapy quotidiana e permanente. Li chiamiamo animali da compagnia, ma forse questa etichetta è un po’ riduttiva.

Perché un cane da compagnia fa bene alla salute fisica e a quella dell’anima, è un grande aiuto per tutti e non chiede in cambio nient’altro che affetto e qualche attenzione.

Animali da compagnia, una pet therapy quotidiana

Il cane da compagnia ermette alle famiglie di essere più sane e felici, stimolando la produzione di ossitocina, l’ormone della felicità, e riducendo lo stress di grandi e piccini. E ancora: una ricerca dell’Henry Ford Hospital di Detroit, per esempio, ha concluso che la convivenza con i cani rafforza il sistema immunitario dei bambini che vivono con loro, aiutando l’organismo umano a costruire anticorpi più efficaci sia contro i virus e i batteri sia contro le forme di allergia più comuni.

Altri scienziati hanno osservato le dinamiche dello stress nel gruppo, e in particolare in quello famigliare, per arrivare alla conclusione che la presenza di Fido in casa fa abbassare i livelli di cortisolo (l’ormone dello stress), smorza le tensioni e ci rende più capaci di affrontare i momenti difficili.

Altri ancora, dall'American Heart Association hanno sottolineato che i migliori amici dell'uomo fanno bene al cuore, contribuendo a ridurre il rischio di malattie cardiache. È indubbio che alla base del rapporto millenario di amicizia-amore tra uomo e cane ci sia anche questa iniezione di buonumore reciproco. D’altra parte, i primi amici a quattro zampe aiutavano gli uomini preistorici nella caccia e nelle guardie notturne e in cambio ricevevano cibo e protezione: una gratitudine vicendevole che si è impressa nel Dna e un senso di sicurezza che si è trasferito dalla sfera pratica a quella emotiva.

Per saperne di più, leggi la nostra analisi sui benefici degli animali da compagnia!

La gioia che Fido non si dimentica mai di mostrare quando rientriamo a casa o lo sguardo di gratitudine quando prendiamo il guinzaglio per portarlo fuori, ricambiano più che ampiamente la violenza che dobbiamo fare alla nostra pigrizia e ci insegna, una volta sull’altra, quanto bene può fare un gesto d’amore gratuito.

Animali da casa, animali per tenersi in forma

Anche le necessità del cucciolo di casa si possono trasformare in buona salute: accompagnare ogni giorno il cane nelle passeggiate che per lui sono indispensabili, ci impone di fare un po’ di movimento. Risultato: chi accudisce un quattro zampe, nella media, è più snello e più in forma di chi non lo fa. E questo vale anche per i più giovani, laddove uno studio della University of Western Australia, ha evidenziato una riduzione dell’obesità tra i bambini che ne hanno uno.

Le passeggiate sono benefiche anche su altri fronti: gli animali sono rimasti immuni alla comunicazione attraverso i dispositivi tecnologici e ci tengono allenati a quella nel mondo reale, fatta di gesti ed espressioni del viso. Nel terzo millennio è un esercizio che non va sottovalutato.

benefici-degli-animali
I benefici degli animali da compagnia.©Wamiz

I benefici degli animali da compagnia per i bambini

Bisogna anche tenere conto di quanto un cane in famiglia aiuti i bambini e gli adolescenti a sviluppare il senso della responsabilità.

Spesso la famiglia li coinvolge nella gestione dell’amico a quattro zampe: ricordarsi di dargli da mangiare e da bere, occuparsi di lui quando manifesta un disagio e coccolarlo quando ne ha bisogno, sono gesti che aiutano i più giovani a sviluppare il rispetto, la tolleranza e la sensibilità attraverso il contatto quotidiano e un impegno che si rinnova quotidianamente.

Cane domestico: un toccasana per tutti

Il cane domestico che solo negli ultimi tempi è diventato il cane di compagnia, è un toccasana anche per:

  • gli anziani;
  • i disabili;
  • le persone sole;
  • chi soffre di depressione e di autismo.

La letteratura medica in materia è pressoché sterminata: se gli anziani tornano a sentirsi attivi e utili nella società e allontanano l’angoscia di giornate che, altrimenti, sembrerebbero sterminate e vuote, grazie alla compagnia dei cani i disabili, chi soffre di autismo e depressione, acquistano fiducia in se stessi, in uno scambio continuo tanto emotivo quanto fisico che con il resto del mondo spesso è difficile.

Il migliore amico dell’uomo? Ci rende più attraenti

E i cani aiutano i loro amici umani anche a socializzare: secondo uno studio britannico, Fido li rende più attraenti e facilita gli incontri, obbligandoli a uscire almeno un paio di volte al giorno. Li invogliano a condividere esperienze, difficoltà e opportunità e perfino a vantarsi delle loro imprese canine.

Non sono pochi gli amori sbocciati sulla panchina di un giardino scambiandosi consigli sulla salute dei quattro zampe.

A cominciare dall’indimenticabile Carica dei 101 in cui Rudy, musicista che vive in simbiosi con il pianoforte e il suo unico amico Pongo - un Dalmata estroverso e desideroso di una vita famigliare - trova l’amore proprio grazie all'amico a quattro zampe che, avvistata la dolce metà (per entrambi), lo obbliga ad andare al parco.

Niente paura: un cane è sufficiente, non è necessario superare il centinaio!