Il meglio per i tuoi pet? Lo trovi qui!

Pubblicità

Gatti punti da api o vespe: ecco cosa fare

Gatto e ape

I gatti punti da api potrebbero essere in pericolo: scopri perchè.

© Irina Kozorog / Shutterstock

I gatti punti da api possono andare incontro a una reazione di ipersensibilità, incluso lo shock anafilattico: cosa fare e come comportarsi. 

Di Flavia Chianese

Pubblicato il

I gatti possono essere punti dalle api? Sì, e non solo dalle api, ma anche da vespe o calabroni. I gatti sono animali curiosi, il cui istinto predatorio si rivela anche nel semplice gioco di catturare una mosca.

Ma se questa non fosse una mosca ma un’ape? O ancor peggio, una vespa?

Ecco che il rischio di punture diventa tangibile. Lo stesso quando il gatto trascorre molto tempo all’aria aperta: scopriamo come intervenire in caso di gatti punti da api

Cosa succede se il gatto viene punto da un’ape?

La reazione dei gatti punti da api può essere molto diversa a seconda di:

  • stato di salute,
  • età
  • sito di iniezione del veleno

Le punture di questi Imenotteri non sono solo velenose, ma sono in grado di scatenare una violenta reazione allergica che può condurre in alcuni casi anche alla morte.

Ma questo accade quando non si interviene con tempestività: ecco una guida sul primo soccorso per i gatti punti da api o da una vespa. 

Puntura singola

Se il gatto è stato punto da un’ape, non è detto che sviluppi una reazione allergica.

La puntura singola di un’ape solitamente si risolve spontaneamente: il gatto proverà dolore, la zona si gonfierà, ma dopo pochi giorni tutto sarà solo un brutto ricordo (a meno che la ferita non si infetti). 

La singola puntura diventa molto pericolosa se in seguito all’ingestione, l’insetto infligge l’aculeo nella parte posteriore della cavità orale.

La conseguente azione infiammatoria può provocare un edema e un gonfiore tali da ostruire le vie respiratorie superiori, portando anche alla morte.

Se questo è il caso del vostro gatto, portatelo subito dal veterinario. 

Punture multiple

Le punture multiple sono rare, a meno che il gatto non abbia importunato un intero alveare o un nido di vespe. In ogni caso la dose letale per il veleno di api è molto elevata (parliamo di 20 punture x kg di peso nei mammiferi) ed è molto raro che questo accada.

Tuttavia, all’aumentare delle punture aumenta anche il rischio di shock anafilattico e questo è il motivo per cui le punture di insetti sono note per la loro pericolosità.

Shock anafilattico

La reazione di anafilassi può avvenire anche a seguito di una singola puntura, nel caso in cui il vostro gatto sia sensibile al veleno.

Il veleno delle api (similmente anche quello delle vespe) contiene i maggiori responsabili di risposte allergiche nell’uomo e negli animali: la fosfolipasi e la ialuronidasi.

Ciò significa che i suoi componenti vengono recepiti dall’organismo come allergeni, in grado di scatenare una risposta immunitaria anche letale, che può essere contrastata intervenendo tempestivamente.

Gatti punti da api: sintomi lievi o anafilassi

Gli imenotteri tendono a pungere zone prive di pelo o con pelo corto, quindi muso, orecchie, faccia, zona periorbitale ma anche sugli arti e sulle zampe.

Come nell'uomo, causano intenso dolore, gonfiore e bruciore, ma resta pur sempre una puntura. Molto importante è invece riconoscere quando sta per innescarsi una reazione allergica o uno shock anafilattico.

Sintomi lievi

Un grosso gonfiore compare in 30 secondi dalla puntura, e spesso impedisce di vedere l’esatto punto in cui l’animale è stato colpito.

La presenza del pungiglione segnala un caso di gatto punto da ape. Il gatto proverà dolore e talvolta prurito

Sintomi di shock anafilattico

In caso di shock anafilattico i sintomi sono più gravi e compaiono generalmente nei primi 10 minuti, ma fino alle 24 è ancora possibile che il gatto abbia manifestazioni quali:

Ad uno di questi sintomi contattate SUBITO il veterinario! 

Cosa fare quando un gatto è punto da api?

Se il vostro gatto è stato punto da api la prima cosa da fare è cercare il pungiglione dell’ape ed estrarlo, per evitare che il veleno continui ad essere inoculato nella pelle di Micio.

Successivamente bisognerà prestare al gatto le prime cure.

In caso di sintomi lievi, i gatti punti da api vanno comunque monitorati attentamente nelle successive 24 ore, arco di tempo in cui possono ancora manifestarsi i sintomi dello shock anafilattico.  

Individuare il tipo di insetto

Il pungiglione delle api è un piccolo aculeo di colore nero: se lo trovate, allora si tratta di una puntura di ape, la quale muore dopo aver attaccato. Diversamente le vespe non rilasciano il pungiglione, non muoiono e possono colpire più volte.

Queste notizie risulteranno utili al veterinario per procedere al trattamento più corretto, data la differente composizione chimica dei veleni delle due specie. 

Estrarre l’eventuale pungiglione

Se avete trovate il pungiglione, questo va estratto il prima possibile. Dopo la puntura l’ape rilascia insieme al pungiglione il sacco contenente il veleno, il quale per azione riflessa dei muscoli può continuare a iniettare tale sostanza nella vittima.

Per estrarre il pungiglione nei gatti punti da api non usate le pinzette con cui rimuovete le zecche dal gatto.

Con le pinzette rischiate di schiacciare il sacco: aiutatevi “grattando” delicatamente l’aculeo con una card o con qualcosa che funga da lama (non tagliente!).  

Alleviare il dolore 

I gatti punti da api avranno dolore alla ferita: degli impacchi freddi con acqua o ancor meglio con ghiaccio possono essere d’aiuto nel primo soccorso, insieme all’applicazione di antistaminici e cortisonici ad uso locale, sempre con il consenso del veterinario.

L’applicazione di gel all’aloe vera o all’avena possono contribuire ad alleviare il dolore. 

Cosa fare in caso di shock anafilattico?

Se avete notato i sintomi di shock anafilattico, o se l’animale ha punture multiple o è stato punto alla gola, dovete immediatamente contattare il veterinario e se possibile dirigervi in un pronto soccorso per animali, dove terranno Micio sotto osservazione anche dopo il primo soccorso. 
Accertata la puntura il veterinario potrebbe procedere con un’iniezione di adrenalina.

Altri trattamenti includono:

  • corticosteroidi,
  • antistaminici,
  • broncodilatatori
  • farmaci per le convulsioni
Ricordate che la tempestività con cui intervenite in questi casi può salvare la vita del vostro gatto! 
Lascia un commento
0 commenti
Conferma della rimozione

Sei sicuro di voler cancellare il commento?

Collegati per commentare