Il meglio per i tuoi pet? Lo trovi qui!

Pubblicità

L'esperienza di una volontaria sull'accogliere un gatto in casa

tre gatti e una ragazza

Vuoi saperne di più sull'affidamento di un gatto? Scopri il racconto di Emilie su come accogliere un gatto in casa!

Di Ilenia Colombo

aggiornato il

«Essere una famiglia affidataria per animali è un po' come essere una famiglia adottiva per bambini. Accogli un animale (un cane, un gatto, un roditore) che ha avuto una vita difficile, che è stato abbandonato, e che sta cercando una nuova casa».

Così inizia il racconto della nostra collega Emilie Heyl, Country Manager di Wamiz UK, dove racconta la sua esperienza su come accogliere un gatto in casa!

Andiamo dietro le quinte e scopriamo, attraverso le sue parole, come accogliere un gatto in casa.

Cosa vuol dire accogliere un gatto in casa?

Accogliere un gatto in casa temporaneamente lo si fa in attesa di una richiesta di adozione da parte di nuovi proprietari.

L'animale sarà quindi custodito da una famiglia affidataria il cui ruolo sarà quello di prendersi cura di lui e, in se bisogno, di farlo socializzare e riacquistare fiducia con l'uomo.

In effetti, alcuni quattrozampe non sopportano la vita in un rifugio, che può essere traumatica per cani e gatti che hanno sempre conosciuto la vita familiare, non sono socievoli o hanno una bagaglio emotivo difficile.

Come sono diventata mamma adottiva di gatti

Ho deciso di accogliere un gatto in casa diventando una mamma adottiva di alcuni mici per due motivi:

  1. Il primo motivo è perché sono una grande amante degli animali.
  2. E la seconda ragione è perché, lavorando a Wamiz, sono stata in contatto con molti centri di soccorso e mi sono resa conto che ogni piccolo aiuto che possono ricevere è enorme per loro. Così ho deciso di aiutare come meglio potevo.

Per diventare una famiglia affidataria, dovrai contattare un ente di beneficenza per animali. Queste associazioni vengono in aiuto degli animali abbandonati ma, in assenza di strutture di ricovero, si affidano alla generosità delle famiglie per prendersi cura dell'animale in attesa di nuovi proprietari.

I soccorritori preferiscono anche affidare alcuni degli animali che accolgono alle famiglie affidatarie: gli animali più anziani o malati, ad esempio, non sono adatti a vivere in un rifugio.

Tuttavia, è importante trovare un ente di beneficenza affidabile. Per fare questo, dovrai fare delle ricerche: su Internet, chiedendo alle persone intorno a te e, soprattutto, andando a incontrare le persone che operano per le associazioni animaliste.

Ecco Billie e Charlie, le due simpatiche gattine che ho ospitato! ©Wamiz

Cosa comporta l'accogliere un gatto in casa?

Dipende dalla tua esperienza! La base consiste nell'accogliere il gatto in casa, dargli amore, acqua, cibo, una lettiera... mentre aspetti un adottante.

Puoi scattare foto e video del gatto, scrivere un testo sulla sua personalità, ricevere visite da potenziali adottanti (gli enti di beneficenza inviano solo candidati seri) e portare, se lo desideri, il felino al loro adottante.

Queste sono le basi dell'affidamento e quello che faccio tutto il tempo. Ogni volta che un gatto viene a casa mia, dopo qualche giorno devo portarlo dal veterinario per un controllo completo, vaccinazioni ed eventuale sterilizzazione.

Può capitare che il gatto sia malato, quindi il volontario può portarlo da uno dei veterinari partner. Il felino potrebbe dover sottoporsi a un trattamento, che il volontario dovrà somministrare. Dovrai sentirti abbastanza sicuro per farlo.

Uno dei gatti che ho tenuto aveva molti problemi respiratori. Dopo molto avanti e indietro dai veterinari, abbiamo scoperto che Kamoute (il gatto che tenevo) aveva una malattia cronica e doveva fare molti trattamenti.

Gli affidatari più esperti possono prendersi cura dei cuccioli (che hanno bisogno di essere allattati con il biberon ogni ora) o dei gatti selvatici che hanno bisogno di una quarantena o di socializzare. Tutto dipende dall'esperienza e dalla disponibilità dell'affidatario.

Si viene pagati per tenere in affido i gatti?

No, non vieni pagato per accogliere un gatto in casa, essendo su base volontaria. Una domanda importante che molte persone si sono poste è chi sostiene finanziariamente l'animale.

Il rifugio rimane il legittimo proprietario dell'animale che viene affidato a una famiglia. Ma spesso le spese dipendono dagli accordi con l'ente di beneficenza o la struttura.

Il costo delle cure mediche o delle spese veterinarie è interamente coperto dal rifugio. Può capitare, in caso di emergenza, che la famiglia chiami un altro terapeuta, ma ciò deve avvenire in totale accordo con il centro di accoglienza.

Per quanto riguarda il cibo, di solito è la famiglia affidataria a coprire queste spese, così come i giocattoli e gli accessori. Ma molti enti di beneficenza e rifugi mettono a disposizione un kit per l'animale loro affidato (cuccia, lettiera, ciotole, ecc.). Questo viene fatto caso per caso. L'obiettivo è quello di non gravare sul bilancio familiare il costo della cura dell'animale.

In base alla mia esperienza, pago io il cibo del gatto, gli snack, i giocattoli, la lettiera e poiché amo così tanto gli animali ho comprato un tiragraffi, un tappetino per gatti, ecc. Ma tutto ciò dipende da te!

Qual è la differenza tra l'affidamento e l'adozione di un gatto?

  • Una famiglia affidataria è spesso un'alternativa molto più piacevole a un rifugio per animali. In questo caso, il micio può essere allevato da pochi giorni a diversi mesi, a seconda della situazione e delle esigenze.
  • Quando si adotta un gatto, invece, l'animale dovrebbe rimanere con la sua famiglia per sempre.

Detto questo, le famiglie affidatarie possono adottare l'animale che stanno allevando. E ad essere totalmente onesti, di solito è quello che succede. Ti affezioni così tanto a ogni animale che entra in casa tua, crei un legame speciale ed è estremamente difficile dire addio.

Purtroppo non ho mai adottato un gatto che ho allevato perché non ho lo stile di vita migliore per un animale, ma hanno tutti un posto molto speciale nel mio cuore!

Vorresti adottare un micio ? Dai un'occhiata a questi adorabili gatti che cercano una casa definitiva!

È difficile allevare i gatti?

Sì e no. Devo dire che la cosa più difficile per me è dirgli addio. Piango ogni singola volta… Anche le prime settimane sono difficili perché ci si conosce, ci si fida l'un l'altro e posso dire che si vivono momenti di stress e panico.

Ma tutto questo ne vale davvero la pena! L'esperienza è semplicemente indescrivibile, la quantità di amore, orgoglio e felicità che ottieni è magica.
Ecco Kamoute: è rimasto con me per 6 mesi. ©Wamiz

Come far socializzare un gatto adottivo?

La chiave per una socializzazione sicura e di successo è pazienza, tempo e organizzazione.

In una giornata, il tempo che dovresti dedicare alla socializzazione può essere significativo e, a seconda del tipo di affido, può richiedere diverse ore al giorno.

Se non hai questo tempo libero, meglio evitare di prendere in affido un animale domestico! L'esperienza può rivelarsi rapidamente disastrosa e il tempo perso sarà difficile da recuperare per coloro che prenderanno il sopravvento.

Trascorrevo la maggior parte della mia giornata con i gatti che ho allevato. Fortunatamente potevo lavorare da casa, quindi di solito stavo nel mio salotto con il gatto e facevo piccole pause per giocare con lui o dargli da mangiare.

Se decidi di accogliere i gatti in casa, sarà importante farli incontrare con estranei altrimenti non permetterai una buona socializzazione. I felini rimarranno timorosi e fuggiranno non appena uno sconosciuto verrà a casa tua.

Ovviamente, questo complica le cose al momento dell'adozione! Quindi non esitare a invitare i tuoi amici e la tua famiglia a vedere i mici che stai allevando.

Dai, chi direbbe di no a questo tipo di invito? Ricordo i miei amici che facevano la fila per incontrare i due gattini che avevo ospitato!

Ora, quando si tratta di socializzazione, il cibo e il tempo libero saranno i tuoi principali alleati.

Gli errori comuni da evitare:

  • Gesti improvvisi che mostrano la tua paura
  • Accarezzare troppo velocemente
  • Abbracciare un gattino quando è ancora riluttante

Segni indice di un'evoluzione del gatto

  • Calma e serenità
  • Ama le coccole
  • Cerca il contatto con te
  • Piace stare in tua compagnia
  • Socchiude gli occhi
  • Fa le fusa
Quando un gatto ti sceglie mostra questi 5 segnali d'affetto

L'importanza del gioco e del cibo

Tempo di gioco

Evita di giocare con le mani poiché possono interpretarlo come un'azione aggressiva. Prendi una canna da pesca o uno spolverino, per giocare a distanza, all'inizio... Inizia con piccole sessioni di gioco (da 5 a 10 minuti, più volte al giorno), osservando le sue reazioni.

Non affrettare le cose. A poco a poco, puoi iniziare ad accarezzare il gatto, a toccarlo. Se indietreggia, fermati e ricomincia in seguito.

Cibo

Ogni tanto, offri un bocconcino al tuo piccolo amico con la coda. All'inizio, metti la sorpresa davanti a lui. Mentre procedi, cerca di convincerlo ad assaggiarlo. Questo piccolo rituale permetterà al gattino di assimilare le tue visite a qualcosa di piacevole e positivo.

Quando il felino avrà davvero iniziato a prendere confidenza, l'ora dei pasti sarà anche il momento migliore per accarezzarlo. Dovresti quindi renderti disponibile a stare con lui mentre mangia.

Come ci si separa da un gatto adottivo?

Questo è senza dubbio il momento pià temuto. Personalmente, dire addio è la cosa più difficile di questa bellissima esperienza. Ti affezioni all'animale, ti leghi a lui e quando trova la sua casa permanente e se ne va, è davvero complicato.

Ma ne vale la pena: avrai salvato due vite! Quella dell'animale accolto, così come un altro gatto che avrà preso il suo posto al canile o gattile.

Gli enti di beneficenza scelgono bene gli adottanti. Visitano la loro casa e hanno lunghe conversazioni con loro. Quando gli adottanti vengono a casa mia per incontrare il gatto, sono ancora più felice perché posso conoscere la nuova famiglia.

Questo mi rassicura sempre perché posso avere un'idea se il loro ambiente corrisponderà ai bisogni del felino e vedere quanto sono impazienti e felici di avere un nuovo amico a quattro zampe!

Ti presentiamo Koko, la prima gatta che ho allevato, aveva 6 mesi. ©Wamiz

Potrebbe esserci un controllo a distanza di qualche mese dall'adozione. È solo una chiacchierata amichevole tra l'ex famiglia affidataria e gli adottanti, per vedere se tutto sta andando bene. Di solito ricevo foto dei miei piccoli innamorati e vedendoli così felici, è meraviglioso!

Quanto tempo trascorrere con i gatti adottivi?

Quando un animale abbandonato arriva a casa tua, ci si aspetta che il gatto non sia socializzato. Ciò significa che potresti incontrare problemi comportamentali più o meno gravi: aggressività, sporcizia, ecc.

Dovrai essere paziente e comprensivo. Probabilmente dovrai addestrarlo a non distruggere i mobili, a fare i bisogni nella lettiera, ecc., cose che impiegano del tempo. E la cosa meravigliosa di questo è che, così facendo, aumenterai le possibilità di adozione. Quanto è gratificante!

Sono stata molto fortunata perché ho avuto solo un incidente in tutti i gatti che ho allevato ed erano cuccioli di due mesi. Quando si tratta di mobili, ho comprato un tiragraffi per gatti e ho lasciato che il gatto grattasse su vecchie sedie che non hanno molto valore!

Poi c'è la questione della disponibilità: sei uno studente, lavori più di 8 ore al giorno, disoccupato? Il tuo tempo a disposizione ha una grande importanza sulla tua capacità di accogliere un gatto in casa: se non c'è nessuno in casa per diverse ore al giorno, non potrai ospitare tutti i tipi di animali.

Quando ho iniziato a essere una famiglia affidataria, è stato durante la pandemia di Covid-19, quindi ero a casa tutto il giorno con l'animale. E onestamente, è il modo migliore per socializzare un felino. Il più delle volte, un gatto che allevi è estremamente spaventato, non è abituato alla presenza umana, può essere aggressivo o timido. Se trascorri del tempo nella stessa stanza dell'animale, sicuramente aiuterà e accelererà il processo di socializzazione.

Passo molto tempo con i gatti che ho in affido, quando è possibile cerco di passare l'intera giornata e la sera con loro. Anche se sto facendo le mie cose (guardare la TV, leggere un libro, giocare al telefono) cerco di stare in presenza del felino.

Ho allevato due gattini pieni di energia. Passavo almeno 2 ore a giocare con loro al mattino, un'ora a pranzo e poi almeno 2 o 3 ore la sera. Con i gatti adulti, dipende davvero dalla personalità dell'animale. Se il micio non è timido, o starà vicino a te o dormirà tutto il giorno in un'altra stanza.

Ma assicurati di trascorrere del tempo con tutti i gatti che ospiti, è davvero importante per la socializzazione e il legame!

---

Articolo ripreso e tradotto da Wamiz.co.uk.

Lascia un commento
0 commenti
Conferma della rimozione

Sei sicuro di voler cancellare il commento?

Collegati per commentare