Scopri qui come nutrire i cuccioli!

Pubblicità

Viaggi in UK: i cani vietati in Inghilterra e non solo

cane-pitbull-al-guinzaglio-vietato-in-inghilterra

Bisogna conoscere i cani vietati in Inghilterra e in tutto il Regno Unito.

© Brezhneva.od / Shutterstock

Se si pensa di viaggiare in Gran Bretagna con Fido al seguito, è bene informarsi cani vietati in Inghilterra e in tutto il Regno Unito. Eccole qui.

Di Ilenia Colombo

Pubblicato il 12/05/21, 18:32

Viaggiare nel Regno Unito col proprio animale domestico dopo la Brexit può scoraggiare i proprietari di cani e gatti, che temono di perdersi tra tutte le burocrazie e gli aspetti da conoscere per un viaggio fuori dai confini dell'Unione Europea.

Niente paura! A chiarire ogni tuo dubbio ci pensiamo noi di Wamiz. Ecco quindi i cani vietati in Inghilterra e in tutto il Regno Unito, ma anche tutto quello che c'è da sapere se si vuole portare Fido in terra extra-europea.

Leggi qui gli errori da evitare quando si va in vacanza con il cane

Quali cani non possono entrare in Inghilterra e in tutto il Regno Unito?

Ogni anno ci sono segnalazioni di attacchi di cani in tutta l'Inghilterra. Sebbene la maggior parte delle aggressioni non coinvolga animali legalmente vietati nel Regno Unito, lo Stato ha considerato alcune razze più pericolose di altre.

Questa legge continua, tuttavia, ad accendere non pochi dibattiti sul problema dell'aggressività dei cani e le responsabilità del padrone.

Nel Regno Unito è contro la legge possedere 4 razze canine, caratterizzate dall'essere esemplari grandi, muscolosi e forti. Ecco i cani vietati in Inghiterra e in tutto il Regno Unito:

  1. il Tosa (chiamato anche Mastino giapponese),
  2. le varietà di Pitbull,
  3. il Fila Brasileiro (conosciuto anche con il nome di Mastino brasiliano),
  4. il Dogo Argentino.
È quindi illegale vendere, abbandonare, regalare o allevare queste razze di cani.

Il Regno Unito è uno dei luoghi dove non sono ammessi i Pitbull

Un esemplare di Pitbull. © Ivanova N / Shutterstock

Il Pitbull, non considerata una vera e propria razza né dall'ENCI (Ente Nazionale Cinofilia Italiana) né dalla FCI (Federazione Cinologica Internazionale) ma come varietà, è stato per secoli allevato per gli sport da combattimento: di solito si trattava di battaglie all'ultimo sangue tra il cane e un orso o un toro.

I lungimiranti vittoriani alla fine hanno bandito questi spietati sport, ma ciò ha portato all'allevamento segreto del Pit Bull per continuare a prendere parte a combattimenti tra cani.

Di conseguenza, le razze hanno guadagnato una pessima reputazione che, alcuni sostengono, è ingiustamente basata sulle azioni di una manciata di allevatori senza scrupoli.

Tuttavia, è stata una serie di tragici attacchi di cani che hanno coinvolto i Pitbull, che alla fine hanno portato all'istituzione della legge del 1991 - di cui parleremo in seguito -, che a sua volta ha dichiarato vietate le sue varianti.

Il Tosa, un cane da combattimento giapponese

Il Tosa (o Mastino Giapponese). © SubertT /Shutterstock

Il Tosa era, ed è ancora, un popolare cane da combattimento dei giapponesi. Nell'Ottocento fu allevato con varie altre razze come il Bulldog e il Mastino per produrre un cane che fosse pesante, agile e potente.

Il suo allevamento come cane da combattimento ha portato al suo divieto dalla legge britannica. La razza è vietata in altri 14 Paesi, oltre al Regno Unito.

Il Dogo Argentino, vietato nel Regno Unito

Un Dogo Argentino. © Grisha Bruev / Shutterstock

Essendo grande, muscoloso e potente, il Dogo Argentino fa parte dei cani vietati in Inghilterra e in tutto il Regno Unito. Questo esemplare è stato allevato all'inizio del '900 come cane da caccia di grossa taglia e cane da guardia.

Da quando è stato allevato per la prima volta, le generazioni successive sono state allevate con l'Alano, il Mastiff e il Pointer inglese per produrre un cane ancora più forte. È stato portato negli Stati Uniti nel 1970 e da allora ha fatto il giro del mondo.

Altro cane vietato nel Regno Unito: il Fila Brasileiro

Un esemplare di Fila Brasileiro (o Mastino brasiliano). © Julia Siomuha / Shutterstock

Si pensa che il Fila Brasileiro sia nato nel 1400 in Sud America e più precisamente in Brasile (per questo è anche chiamato Mastino brasiliano). Il cane è stato ed è ancora utilizzato negli allevamenti per proteggere le mandrie e per catturare i predatori.

Sfortunatamente, la razza è stata utilizzata anche per inseguire e catturare schiavi che volevano sfuggire alla prigionia. Il successivo allevamento del cane ha portato al suo sviluppo di un istinto per questo tipo di comportamento antisociale e indesiderato, quindi è vietato nel Regno Unito.

I cani vietati in Inghilterra sin dal Dangerous Dog's Act del 1991

Esistono cani vietati in Inghilterra e in tutta la Gran Bretagna in seguito all'emanazione del Dangerous Dog's Act del 1991. In quell'anno è stata approvata una legge del Parlamento che vieta la proprietà di alcuni tipi di cani.

Tale documento ha anche rafforzato le responsabilità legali dei proprietari di tutti i tipi di cane e ha chiarito che se un cane si comportava male in pubblico, il suo proprietario ne avrebbe pagato le conseguenze.

Inoltre, anche possedere incroci delle quattro razze vietate può essere soggetto alla stessa legge, a seconda delle loro dimensioni e caratteristiche.

Cos'è lo IED (l'indice dei cani esentati)? Le eccezioni alle razze vietate

Se possiedi un cane di una razza vietata, non tutto è perduto. Se un tribunale ritiene che il tuo cane non rappresenti un pericolo per il pubblico, può decidere che il cane venga inserito in un indice di cani esentati (IED, acronimo inglese di Index of Exempted Dogs).

Se ciò accade, potrai tenere il tuo cane, dietro però il rispetto di alcune condizioni:

  • Devi dimostrare che il cane non è un pericolo per il pubblico;
  • Devi provare di avere le capacità di prenderti cura del cane;
  • Il cane deve essere sterilizzato e dotato di microchip;
  • È necessario stipulare un'assicurazione di terze parti per coprire i danni accidentali a un'altra persona;
  • Devi tenere il cane con la museruola e il guinzaglio quando siete in pubblico;
  • Il cane deve essere tenuto al sicuro in casa.

Cosa succede se ho un cane vietato?

Se sei giudicato colpevole del possesso di un cane bandito o di un cane nato da un incrocio di razze vietate, puoi aspettarti una multa illimitata o una pena detentiva di sei mesi, o entrambe.

Se il tribunale ritiene che il cane appartenga a una razza pericolosa, può anche ordinare che il cane venga addirittura soppresso.

Quella sentenza sarà valida indipendentemente dal fatto che il cane si sia comportato male in pubblico. Se l'animale ha causato un fastidio o peggio, la pena rifletterà anche la gravità del reato.

Le cose da sapere se si vuole viaggiare con Fido

Inanzitutto, per viaggiare col cane o con altri animali domestici, ci sono delle regole da rispettare.

  • Gli Stati dell’Unione Europea si avvalgono di un regolamento generale per il trasporto degli animali (avente restrizioni più o meno severe per ogni nazione).
  • Riguardo i Paesi extra-UE - come il Regno Unito, che è uscito dall'Unione Europea il 31 gennaio 2020 - ogni Paese adotta un proprio regolamento.

Quali sono i documenti necessari per viaggiare con gli animali domestici?

In linea generale, le norme valide in tutto il mondo per coloro che vogliono viaggiare con i propri amici a quattro zampe, riguardano soprattutto i documenti degli animali, tra cui:

  • il libretto sanitario dell'animale, con le recenti vaccinazioni (alcune obbligatorie per partire);
  • il suo passaporto;
  • l’iscrizione all’anagrafica canina per i cani.

Quali altre regole da rispettare per viaggiare con il cane?

Inoltre, è necessario che l'animale sia munito di microchip, che il veterinario verifichi le condizioni di salute e che il quattrozampe sia a norma riguardo i vaccini obbligatori per cani.

Per assicurarti di essere conforme ai regolamenti dell'UE sui viaggi con gli animali da compagnia, chiedi al tuo veterinario prima di partire.

Come posso portare il mio cane in Inghilterra e in UK?

Come si legge sul sito del governo inglese, prima di viaggiare nel Regno Unito col proprio animale domestico, ci sono degli aspetti importanti da conoscere.

Informati sulle regole della tua compagnia di viaggio

Controlla se la compagnia di viaggio accetta il tuo animale da compagnia per viaggiare e quanti se ne hai più di uno.

È prevista la quarantena?

Inoltre, controlla se ti devi mettere in quarantena a causa del Coronavirus (COVID-19) al tuo arrivo nel Regno Unito: in tal caso, dovrai provvedere alla cura del tuo cane durante quel periodo.

Compila una speciale dichiarazione

Inoltre, bisognerà anche compilare una dichiarazione che attesti il non intento a vendere il proprio fedele amico nel Regno Unito.

Quali documenti per viaggiare nel Regno Unito col cane?

Dopo di che, assicurati di avere con te i seguenti documenti dell'animale, controfirmati dal veterinario:

  • certificato sanitario internazionale,
  • certificato di identificazione elettronica,
  • certificato contro la rabbia,
  • certificato delle analisi del sangue.

Viaggiare nel Regno Unito col cane è quindi fattibile se si rispettano determinate regole che questo Paese extra-UE ha messo in atto.