News :
wamiz-v3_1

Attenzione alle strade roventi!!!☀🔥

Pubblicità

Alimentazione casalinga per il cane cucciolo: dosi corrette

cucciolo di cane che beve advice
© Pixabay

Scegliere una alimentazione casalinga per il cane cucciolo è un’opzione ma bisogna stare attenti ai giusti equilibri nutrizionali. Ecco i consigli.

Di Mauro Ravarino

Uno degli argomenti più dibattuti in ambito di alimentazione per animali è se optare per il classico cibo pronto per cani o per una alimentazione casalinga per cane cucciolo dalle dosi corrette. La seconda soluzione può essere, se si hanno le specifiche informazioni per affrontarla, una buona idea per meglio selezionare la qualità dei prodotti e tenere sotto controllo la dieta del nostro amico fedele. Anche quando si tratta di un cucciolo. 

È bene, però, che l’alimentazione casalinga per cani cuccioli che sia il più varia possibile, per evitare eventuali carenze nutrizionali. Rivolgetevi, dunque, ad un veterinario prima di cambiare la dieta del vostro amico a quattro zampe.

L’alimentazione del cucciolo

A seconda dell’età, un cucciolo mangerà cibi diversi. Fino al primo mese di vita, è importante che il cane cucciolo si alimenti solo con il latte materno; se non ha la mamma, si può usare un latte cosiddetto “maternizzato” venduto nei negozi per animali o in farmacia.

Dopo il primo mese, gli spunteranno i dentini e sarà possibile dargli cibo morbido o sminuzzato come un purè. Tra i due e i sei mesi, appena avrà smesso di prendere il latte, il nostro cucciolo inizierà a mangiare cibi solidi. In genere, tre volte al giorno. Dopo i sei mesi dovrà fare due pasti al giorno, come un adulto. 

Cosa deve contenere l’alimentazione casalinga per il cane cucciolo (e cosa no)

Un pasto preparato in casa per un cane deve contenere proteine sotto forma di carne bianca o rossa. È l’alimento proteico più comunemente utilizzato e può essere somministrato di diversa origine: bovina, equina, ovi-caprina, pollame. La carne potrà essere sostituita una o due volte la settimana da pesce, uova o formaggio magro.

Utili anche i carboidrati di origine vegetale sotto forma di verdure, cereali, pane secco, pasta o riso. Riso soffiato? Un tasto talvolta controverso: noi diciamo di sì ma con moderazione.

Vanno assolutamente evitati sughi, ragù, condimenti, pepe, sale, fritti, brasati, arrosti. In altre parole gli avanzi della nostra tavola, perché ricchi di spezie e condimenti dannosi al cane. Meglio evitare le ossa (quelle acuminate o grossolane possono creare lesioni gastriche), i formaggi fermentati e stagionati, dolciumi, caramelle e cioccolato, altamente pericoloso per i cani.  

Le dosi consigliate per un cucciolo

Incidono sui bisogni nutritivi del cane vari fattori come l’età, la razza, il sesso, l’essere in gravidanza o meno, la costituzione, le condizioni climatiche e il livello di attività fisica quotidiano. Nel cucciolo possiamo considerare 20 o 30 grammi di alimento proteico per chilogrammo di peso corporeo, più altrettanti carboidrati.

Per esempio, per un cucciolo di cane di 6 mesi di 10 Kg di peso, cercando di non esagerare, possiamo ipotizzare questa dieta: 200 proteine più 200 di carboidrati per un totale di 400 grammi di alimento, diviso in due pasti, al giorno. 

Le dosi di carne e pesce nell’alimentazione casalinga per cuccioli

Per la maggior parte dei cani la quantità ideale di cibo è di circa il 2-4% del peso corporeo. Il fabbisogno proteico di mantenimento varia in relazione al momento fisiologico dell'organismo, ma in media si aggira tra il 18% per gli adulti e il 22% per gli esemplari più giovani. Quello dei carboidrati si aggira attorno al 30-60% della razione.

È bene dividere il pasto tra proteine, carboidrati e verdure. La carne va scelta non eccessivamente magra, di diversa origine e va scottata in acqua bollente a eccezione di quella di maiale che va cotta. Per un cucciolo, come una femmina in gravidanza o allattamento, si prevedono, al giorno, circa 30 grammi per ogni chilogrammo di peso dell’esemplare. La carne costituisce il 40% della razione. Le frattaglie, avendo un basso valore nutritivo, non vanno date più di una volta la settimana, e vanno sempre scottate in acqua bollente. Il pesce è l’alternativa alla carne: va pulito e bollito e la quantità prevista per un cucciolo equivale a quella della carne. Uova? Una o due volte la settimana, il tuorlo crudo, l’albume cotto. 

Pasta, verdure e latticini

Il latte, in piccole quantità regolari, è un buon alimento per un cane che sta crescendo. Formaggi solo freschi.

I carboidrati sono una componente essenziale del pasto – l’altro 40% – accompagnati dalla carne o dal pesce. La pasta e il riso vanno serviti ben cotti. I cereali soffiati vanno, invece, serviti con aggiunta d’acqua. Il pane stimola la salivazione e fortifica le gengive e va somministrato preferibilmente raffermo in quantità equivalenti alla carne.

La verdura è l’ultima parte del piatto (10-15% della razione): va servita cotta. Particolarmente indicati carote, fagiolini, zucchine e zucca che offrono il corretto apporto di fibra e di sali minerali. Va bene la frutta con poco zucchero, tipo la mela. L’acqua deve essere sempre a disposizione e spesso rinnovata. Se vi manca fantasia nel cucinare, esistono diverse ricette rivolte ai cuccioli di cane: dal riso con salmone, al tortino di carne, al risotto di pollo.