Pubblicità

Qual è il miglior lassativo per gatti contro la stitichezza?

Gatto fa i bisogni nella lettiera

La lettiera è vuota e Micio costipato? Ecco come usare il lassativo per gatti.

© Mila Naumova / Shutterstock

Il lassativo per gatti può essere necessario se il nostro felino soffre di stitichezza e fa feci molto dure. Ecco cosa c’è da sapere.

Di Flavia Chianese

Pubblicato il

Anche i nostri amici a 4 zampe possono soffrire di stitichezza. Si comincia con episodi occasionali, che però possono diventare sempre più frequenti.

La difficoltà o l’incapacità di espellere le feci provocano nel gatto un forte disagio, ma anche per noi padroni può essere molto frustrante vedere Micio che si lamenta nella lettiera a causa di uno sforzo senza successo. Dunque è normale chiedersi come aiutare il gatto a fare la cacca? Quando diventa necessario somministrare un lassativo per gatti? È possibile provare prima con altri rimedi? Scopriamolo in questo articolo!

Quando il gatto non riesce a fare la cacca?

Tutti i gatti possono soffrire di stitichezza, anche se i felini maschi adulti sembrano avere una maggiore predisposizione a questo problema. La stitichezza può dipendere da molte cause, tra cui:

Episodi frequenti di costipazione non vanno sottovalutati, poichè possono predisporre o esacerbare alcune patologie importanti, come il megacolon del gatto.

Per questo motivo la stitichezza del gatto deve essere affrontata con il giusto approccio, che talvolta richiede l'impiego di un lassativo per gatti. 

Come capire se il gatto è stitico?

Se il vostro micio si lamenta nella lettiera, prova a defecare senza successo, o se emette feci dure e piccole, probabilmente sta avendo problemi di costipazione.

Non è infrequente riscontrare la presenza di piccole tracce di sangue vivo dovute allo sforzo. In questo caso, e qualora Micio mostrasse sintomi di abbattimento, gonfiore, o se non espelle feci da 2-3 giorni è opportuno segnalarlo quanto prima al proprio veterinario di fiducia, di modo che possa valutare il caso e decidere se prescrivere un lassativo per gatti. 

Quali tipi di lassativo per gatti esistono?

Il lassativo per gatti è il rimedio alla stitichezza e alla costipazione ma deve essere acquistato solo dopo un consulto veterinario per evitare effetti indesiderati e posologie scorrette.

Alcuni di questi, più blandi nella composizione, sono reperibili come farmaci da banco e dunque non necessitano di prescrizione, mentre per altri occorre presentare in farmacia la ricetta del veterinario.

In forma liquida, in pasta per gatti o in compresse, i lassativi per gatti si classificano in 4 tipi principali a seconda della modalità di azione:

Lubrificanti 

Il lassativo per gatti lubrificante e in forma liquida per eccellenza è costituito da paraffina liquida unita a vaselina. Può essere somministrato insieme alla pappa, ma il dosaggio e il tempo di impiego deve essere stabilito dal veterinario.

Risulta molto utile per svuotare l’intestino in seguito ad un intervento chirurgico, come preparazione ad alcuni esami diagnostici dell’addome (come tc ed rx) e può essere usato per brevi periodi in gatti stitici. Esso crea un film lubrificante che avvolge il contenuto intestinale facilitandone l’espulsione. 

Stimolanti 

I lassativi stimolanti per gatti vanno ad agire direttamente sulle pareti del lume intestinale e non sulla massa fecale. Essi favoriscono i movimenti di peristalsi e le contrazioni di modo da ristabilire un corretto transito delle feci e consentire a Micio di andare di corpo senza difficoltà.

Formanti massa

Questo tipo di lassativi per gatti è formulato utilizzando componenti ricche di fibra, che viene solo parzialmente digerita dal gatto: la fibra stimola la mobilità intestinale e crea una massa in grado di "spingere" le feci stagnanti verso l'uscita.

Osmotici ed emollienti

I lassativi per gatti di questo tipo sfruttano le proprietà osmotiche di alcune molecole, come il lattulosio. Una volta giunta nell’intestino questa sostanza è in grado di richiamare acqua che verrà assorbita dalle feci, le quali diventeranno così più morbide e facili da espellere. Anche in questo caso, per la prescizione c’è bisogno dell’approvazione del veterinario. 

Alcuni di questi lassativi sono prodotti per uso umano e come tutti i farmaci, possono avere delle controindicazioni. Inoltre devono essere utilizzati per un tempo limitato: il rischio è quello di somministrare al gatto sostanze a cui è allergico, o se si prolunga troppo il trattamento, di assuefare l’organismo di Micio rendendolo dipendente dal farmaco stesso per la buona riuscita della defecazione.

Per questo motivo non affidatevi mai al fai-da-te, ma chiedete sempre conferma ai professionisti del settore.

Lassativo naturale per gatti

Esistono anche alcuni rimedi naturali che possono essere acquistati in farmacia o in erboristeria e somministrati al gatto, sempre nei modi e dosaggi raccomandati dal veterinario. 

Scegliere alimenti ricchi di fibra può aiutare il gatto ad andare di corpo: aggiungere un cucchiaino di zucca cotta e sminuzzata (non condita) alla razione è un possibile rimedio casalingo che aiuta a combattere la stipsi. 

Come stimolare il gatto a fare la cacca?

Prima di ricorrere ad un lassativo per gatti, possiamo mettere in pratica dei semplici accorgimenti per migliorare la sua condizione:

1. Far idratare il gatto

Quando il gatto non fa cacca è importante fornirgli sempre acqua fresca per invogliarlo a bere il più possibile. Potete provare con delle fontanelle per gatti come diversivo. L’acqua è fondamentale poiché andrà ad idratare l’organismo fungendo da lubrificante naturale per le feci. 

2. Utilizzare cibo umido

Se il vostro Micio mangia solo crocchette, in caso di costipazione può essere utile andare a somministrare del cibo umido che contiene un elevato contenuto in acqua rispetto al cibo disidratato. Questo aiuterà a lubrificare le feci dure e secche, ma ricordate che anche bruschi cambi di alimentazione vanno sempre ponderati quando si tratta dei nostri 4 zampe. 

4. Praticare attività motoria 

I gatti molto sedentari possono andare incontro più facilmente alla stitichezza, poiché si asseconda la stasi dell’intestino che non viene adeguatamente stimolato e causa difficoltà nella defecazione. Stimolare il gioco e il movimento può favorire la defecazione ed invogliare il gatto ad idratarsi. 

5. Valutare l’aspetto psicologico

Se la lettiera è molto sporca, se è condivisa con altri felini della casa, o se Micio sta affrontando un periodo di stress è possibile che scelga di trattenere le feci. Cerchiamo dunque di mantenere la sua lettiera pulita, pulendola almeno una volta al giorno. Per quanto possibile, cerchiamo di evitare di esporre Micio a fonti di stress (come un trasloco, i lavori in casa, l’adozione di un nuovo animale). 

E voi avete già provato dei lassativi per gatti contro la stitichezza?

Lascia un commento
0 commenti
Conferma della rimozione

Sei sicuro di voler cancellare il commento?

Collegati per commentare