Migliora la vita dei pet cliccando qui!

Pubblicità

8 criteri per capire quali razze di cani scegliere

Ragazza in un rifugio per cani

Tra le tante razze di cani quale scegliere? Ecco 8 criteri per farsi un'idea!

© hedgehog94 / Shutterstock

Sono davvero molte le razze di cani e non si sa mai quale scegliere. Leggi l'articolo e scopri quali sono i criteri da tenere a mente.

Di Antonello Ciccarello

aggiornato il 03/09/21, 14:27

Scegliere il cane giusto da adottare non è un’impresa facile. Le razze di cani tra cui optare sono 339, cioè quelle riconosciute dalla La Fédération cynologique internationale (FCI), senza contare i meticci o gli incroci.

Prima di far entrare nella propria vita un nuovo amico a quattro zampe è necessaria un’attenta riflessione, che prenda in considerazione alcuni punti importanti, come ad esempio l’ambiente in cui vivrà il cane, la famiglia con cui dovrà rapportarsi, lo stile di vita che si conduce e l’impatto che avrà sull’animale.

Di seguito ti mostreremo gli 8 criteri da considerare per capire tra le razze di cani quale scegliere in base alle proprie necessità.

1. Che carattere di cane fa per me?

I cani di razza non sono tutti uguali. Ognuno di loro ha delle caratteristiche e un’indole che li rende unici e questo è un aspetto fondamentale nella scelta del proprio compagno.

Un Labrador è diverso da un Mastino napoletano, il primo è infatti considerato più docile, mentre il secondo più aggressivo e meno adatto al contatto con i bambini.

Un altro esempio potrebbe essere quella del Jack Russell, più adatto a chi conduce una vita sportiva, mentre un Maltese o un Chihuahua sono perfetti per chi conduce una vita un po’ più sedentaria.

Alla scoperta del carattere del cane Maltese

2. Meglio un cane maschio o una femmina?

Questa è una domanda che si pongono in molti. Dipende da che tipo di compagno (o compagna) si vuole avere.

Come in tutte le specie animali, i maschi sono più irrequieti e competitivi delle femmine (anche se poi bisogna sempre considerare caso per caso). La docilità tipica delle femmine, viene però meno nei periodi di calore, durante il quale anche loro possono divenire un po’ più irrequiete del solito.

3. Meglio un cane cucciolo o adulto?

L’età è anche un criterio da non sottovalutare. Scegliere un cane, significa anche pensare anche al tempo da dedicargli.

Quando si adotta un cucciolo, ad esempio, è come scrivere su una pagina bianca. Bisogna infatti educarlo sin da subito, partendo da zero, scoprendo giorno dopo giorno la sua indole e il suo carattere.

Se invece si opta per un cane di razza già adulto, parte del lavoro sarà già stato fatto dall’allevatore (o dall’ex proprietario). In questo caso il cane potrebbe già essere addestrato, quindi meno reattivo e più comprensivo.

4. Che taglia di cane si adatta alle mie esigenze?

Amare una razza di cani, non è sufficiente per poterne adottare uno. Se si dispone di un piccolo appartamento di 30 o 40 mq, un Alano non è di certo il cane più adatto da avere al proprio fianco. Questo infatti potrebbe innervosirsi facilmente, perché si sente in gabbia.

Le razze di cani di taglia grande, hanno infatti bisogno di molto più spazio, come ad esempio un giardino, rispetto ai cani di razza di taglia media e piccola. Quest’ultimi si adattano meglio ai piccoli spazi, anche se alcune specie (come il già citato Jack Russell) sono più sportivi.

5. Di quali cure avrà bisogno?

Quando si adotta un cucciolo o un cane già adulto, le spese da dover affrontare sono molte soprattutto per quanto riguarda la salute.

A differenza dei meticci, I cani di razza hanno bisogno di più cure e sono più soggetti a malattie (anche congenite). È sempre utile informarsi su tutti i possibili rischi per la salute del proprio cane, prima dell’adozione.

6. Quanto mi costerà?

Uno dei punti dolenti riguardanti la scelta di un cane di razza è il suo mantenimento. I prezzi d’adozione variano a seconda delle razze di cani.

Per mantenere un cane in Italia si spendono in media circa 1500-1800 euro l’anno. In questa cifra sono messe in conto non solo i costi per le cure mediche, ma anche per il cibo e per i vari accessori per il cane (cuccia, collare e giochi vari).

Assicurarsi di essere in grado di sostenere tali spese, in modo da non far mancare nulla al proprio compagno peloso.

La prima visita dal veterinario. Ecco cosa aspettarsi!

7. In che ambiente vivrà il cane?

Un cane è un membro della famiglia. È quindi molto importante che non entri in conflitto con gli altri abitanti di casa.

La presenza di bambini può essere sana per i cani più “protettivi” e giocosi, come ad esempio le razze di cani Golden retriever o Beagle. Se alcuni membri della famiglia sono restii ad avere un cane in casa, è molto probabile che il cucciolo avverta questa pressione e ne possa soffrire o innervosirsi.

Bisogna prima essere sicuri che tutti siano pronti ad accogliere un nuovo amico a quattro zampe.

8. C'è feeling tra di noi?

Non basta il colpo di fulmine per essere compatibili il cane di razza che più piace. Prima di pronunciare il fatidico “sì”, è sempre consigliabile fare più domande possibili all’allevatore sul temperamento del cane, sulla sua storia e (perché no) sui suoi genitori e nonni.

Passare un po’ di tempo insieme al cane, magari con alcune visite programmate, in modo da conoscere meglio il carattere dell’animale.