Cani punti da api: cosa fare

cani punti da api
I cani punti da api devono essere soccorsi tempestivamente. © Pixabay

I cani punti da api possono avere delle reazioni allergiche e presentare un estremo gonfiore della zona colpita. Ecco cosa fare.

- Annuncio Pubblicitario -

Sono tanti i cani punti da api l’estate durante le consuete passeggiate quotidiane. La reazione può essere blanda o provocare una grande allergia, causando nei casi più gravi uno shock anafilattico. Poi ci sono cani che mangiano api per gioco o per sbaglio, pratica molto pericolosa che richiede un pronto intervento tempestivo. Ecco cosa fare in caso di puntura d’ape.

Cane punto da ape

Può capitare che il cane venga punto da un’ape mentre corre e passeggia su un prato, ficcando il naso tra i cespugli e i fiori.

Se la puntura colpisce una zona esterna della bocca, del naso o del pelo, il pericolo che ci possano essere complicazioni è basso e basterà tentare di eliminare il pungiglione lasciato dall’ape, con l’aiuto di una pinzetta. Poi con acqua e sale o acqua e limone disinfettate la zona fino a che il dolore non cessa. La puntura d’ape, infatti, può essere molto dolorosa e spingerà l’animale a leccare la zona dolorante e a lamentarsi.

Cane punto da ape sulla zampa

Stesso discorso vale se il cane è stato punto su una zampa e non è allergico al veleno rilasciato dal pungiglione. Il nostro amico peloso proverà dolore e bruciore e presenterà un’improvvisa zoppia provocata dalla puntura.

- Annuncio Pubblicitario -

Provate a disinfettare la zona con uno stick ad hoc a base di ammoniaca, che serve per annientare l’azione del veleno e dare sollievo al cane. Inoltre è sempre importante togliere il pungiglione rimasto nella pelle, ma se tra le zampe l’operazione risulta complicata e se l’arto appare troppo gonfio, rivolgetevi al veterinario.

Muso gonfio: cosa fare?

Diverso è il discorso quando l’ape punge il cane all’interno del naso e della bocca. In questo caso il veleno può irritare enormemente le mucose provocando un estremo gonfiore del muso, che causa difficoltà respiratorie.

Se accade questo meglio evitare il fai da te e consultare subito il veterinario, che in base alla gravità della situazione prescriverà la giusta terapia.

Cani che mangiano api

La puntura dell’ape può essere molto pericolosa anche quando il cane per sbaglio o per gioco mangia l’insetto e lo ingoia. Il veleno viene rilasciato all’interno della laringe, con effetti piuttosto gravi per il malcapitato, che rischia seriamente di soffocare. I cani che mangiano api possono correre un pericolo molto serio ed è bene correre subito dal veterinario.

- Annuncio Pubblicitario -

Sintomi dello shock anafilattico del cane

Merita una corsa tempestiva dal veterinario anche la situazione in cui il cane sia allergico alla puntura dell’ape o venga punto ripetutamente, cose che possono provocare uno shock anafilattico. Il cane rischia la vita quindi è bene saper riconoscere i sintomi, che sono diversi in base alla gravità della reazione allergica.

Si possono presentare febbre, gonfiore del collo e delle mucose, forte prurito e, nei casi più gravi, anche difficoltà respiratorie, vomito e collasso, fino all’arresto cardiaco. Da qui si capisce l’importanza dell’intervento tempestivo del veterinario, che ricorrerà ad una terapia cortisonica per contrastare l’effetto del veleno d’ape.

Leggi anche: La tenia e gli altri parassiti del cane

Appassionata di animali fin da bambina, ha scoperto cos'è il vero amore quando ha adottato la sua dolcissima shit-zu.