Ciclista salva cane ferito trasportandolo in bici

In Georgia ciclista salva cane ferito trasportandolo in bici sulle spalle e regalandogli una seconda possibilità. Il finale di questa storia commuove.

Avrebbe potuto essere un’escursione in bicicletta come tante altre quella di Jarrett Little che, nei pressi di Columus in Georgia, stava pedalando in una foresta con un gruppo di amici. Tra un albero e l’altro, però, ecco l’inattesa scoperta: il ciclista, infatti, si è imbattuto in un cane ferito e sofferente. «Credo che fosse stato investito da un’auto – ha raccontato, come riporta LaZampa.it -. Noi ci siamo fermati e lui ci è venuto incontro. Era molto magro e aveva una zampa rotta».

- Annuncio Pubblicitario -

Il ciclista salva il cane portandolo in bici

Immediatamente il gruppo si è attivato e, dopo aver dato al cane un po’ d’acqua fresca e un po’ di cibo, gli sportivi hanno deciso di portarlo al più presto da un veterinario. «Non potevamo certo lasciarlo lì da solo – hanno raccontato – ma non avevamo a disposizione una macchina». Come fare, quindi? Jarrett non ha esitato un istante e, caricato il cane sulla sua schiena, ha inforcato la bici trasportando il paziente a quattro zampe verso la salvezza.

- Annuncio Pubblicitario -

Il finale inatteso

E la salvezza il cane ferito l’ha trovata in un negozio di biciclette dove è stato protagonista di un secondo piccolo miracolo incontrando la signora Andrea Shaw che, residente in una fattoria nel Maine, ha deciso di adottarlo seduta stante. «Tra di noi – racconta la nuova proprietaria del pelosetto – è stato amore a prima vista». Dopo il colpo di fulmine Andrea ha pagato le spese veterinarie per il suo nuovo amico e poi l’ha fatto trasportare fino alla sua nuova casa ribattezzandolo Columbo. «Mi ritengo molto fortunata per questo incontro del tutto casuale con Columbo – dice – sarebbero bastati pochi minuti di ritardo e non avrei mai incontrato il mio adorato quattro zampe».

Leggi anche: Cane cade dall’aereo, dopo sei giorni il miracolo

Cresciuta tra i San Bernardo mi sono convertita - da ormai un lustro abbondante - alla (piacevolissima) compagnia di Clicquot, una Beagle dal carattere frizzante come lo champagne del quale porta il nome. Faccio la giornalista da sempre, occupandomi di tutto un po', ma il mio habitat naturale è il fashion e ho un PhD in Semiotica della Moda.