Cosa direbbe alla padrona di 10 anni il suo gatto? La divertente intervista

Gabi e coco intervista al gatto
Gabi e Coco: l’intervista al gatto fatta dalla sua padrona di 10 anni. © Twitter/Paul Duane

Cosa direbbe un gatto se potesse parlare alla sua padroncina di 10 anni? Ecco la divertente intervista fatta da una bambina al suo micetto, per comprendere il rapporto speciale che si crea tra animale e padrone.

- Annuncio Pubblicitario -

La creatività di Gabi, una bambina di soli 10 anni ha portato alla luce la risposta ad un divertente quesito: cosa direbbero i gatti se potessero parlare? Il risultato è una dolcissima intervista al suo gatto Coco, dal sapore simpatico e surreale, che il papà ha deciso di rendere pubblica sui social e che nel giro di pochissimo tempo è diventata virale.

Il rapporto tra Gabi e Coco

Gabi e Coco sono grandi amici da quando il gatto ha trovato ospitalità nella sua famiglia. Sono tanto affiatati che a volte non ci sarebbe neppure bisogno di parole per capirsi, ma si sa, il dialogo è importante per i bambini e mettere nero su bianco è sicuramente un processo creativo tipico dei ragazzi in via di sviluppo. Così è nata l’idea dell’intervista al suo gattino, per rendere tutto più reale e umano, che dimostra una spiccata ironia e simpatia, sia del gatto che della bambina.

- Annuncio Pubblicitario -

Se i gatti potessero parlare

Cosa si sono detto Gabi e Coco? Ecco il testo dell’intervista che inizia con la prima domanda della bambina, che chiede: «Coco, posso accarezzarti sulla testa? C: assolutamente sì. G: la schiena? C: certo. G: la Pancia? C: Ti proibisco di toccarmi la pancia.» L’intervista continua con la richiesta di potergli toccare zampa e coda e il gatto continua a rifiutarsi, fino a che la bambina chiede se può toccargli il sedere. La risposta del micio è geniale: «si può sapere che problemi hai? L’intervista è finita!» Non sono adorabili?!

Leggi anche: Guida al linguaggio dei gatti

Appassionata di animali fin da bambina, ha scoperto cos'è il vero amore quando ha adottato la sua dolcissima shit-zu.