Gatto che morde per affetto: perché lo fa e come comportarsi

gatto che morde
Il gatto potrebbe morderti proprio per l’affetto e le emozioni che prova per te. ©pixabay

Avere un gatto che morde è capitato sicuramente a tutti: tu e il tuo animale state giocando tranquillamente quando lui, a un certo punto, ti morde senza motivo.

- Annuncio Pubblicitario -

«Non è arrabbiato, non è spaventato, ema perché il mio gatto mi morde?», la domanda se la sono posta almeno una volta tutti i proprietari dei nostri amici felini. Il gatto che morde non è facile da comprendere. Sono diverse le motivazioni che portano un gatto, che sta bene e non si sente in una situazione di pericolo, a morderti, e sono tutte legate – anche se ti potrebbe sembrare strano – all’affetto che prova per te.

Il gatto morde per affetto

Non stupirti, è così: i gatti che mordono lo fanno anche per l’affetto che vogliono manifestarti. Se stai accarezzando il tuo gatto, anche se a lui piacciono coccole e grattini, potresti arrivare a superare una sorta di “limite” che lui è portato a ricevere. Ogni gatto ha la sua soglia, e la sua personalità, e arrivato a un certo punto nella ricezione delle coccole può andare “in tilt” e decidere di morderti. Jackson Galaxy, un veterinario esperto del comportamento dei gatti, ha spiegato che in questo caso «il morso del gatto è dovuto a una sovrastimolazione dei recettori del follicolo pilifero. Il tuo micio non riesce più a sopportare altri stimoli, per quanto piacevoli». Quindi, un morso può avvenire anche (e soprattutto) in un momento di totale armonia. In questi casi, però, il felino di solito non stringe forte la mascella, sapendo che potrebbe causare più dolore al suo padrone.

Un gatto che morde vuole la tua attenzione

Oppure, il gatto morde per affetto perché vuole attirare la tua attenzione: se strusciandosi e miagolando non riesce a ottenere ciò che vuole, passerà a maniere più forti, arrivando a morsicare le mani o le gambe del suo padrone. La veterinaria Karen Becker sostiene che questo comportamento tipico dei gattini può ripresentarsi anche da adulto: il tuo gatto in questo caso vuole solo che tu gli dia retta subito.

- Annuncio Pubblicitario -

I gatti che mordono per stimolo neurologico

Ci sono casi in cui il gatto reagisce mordendo per un semplice stimolo neurologico. Se non ti accorgi e avvicini le dita alla bocca del tuo animale, lui è stimolato naturalmente ad aprire le fauci: la stimolazione orale infatti gli procura piacere. Non dovrebbe, però, arrivare a stringere tanto da farti male.

Il mio gatto mi morde perché non si fida di me

Ci sono alcuni casi, invece, nei quali il morso serve a non mostrare in modo troppo evidente le sue emozioni. Il tuo gatto, magari arrivato da poco in casa o adottato, ti vuole bene, ma cerca di non darlo troppo a vedere “confondendoti” con qualche morso. Questo è un comportamento tipico del felino quando ha a che fare con persone di cui si fida ancora poco, ma con cui vorrebbe avere una relazione. In questo caso, questa abitudine è destinata a esaurirsi con il tempo, quindi non si tratta di un gatto aggressivo.

Perché i gatti leccano e poi mordono?

A volte il tuo gatto, quando lo accarezzi, alterna piccoli morsi a leccatine, su mani e piedi. Se l’animale adotta questo comportamento è perché si vuole prendere cura di te, proprio come farebbe con se stesso o con un suo cucciolo. Il felino, infatti, anche con i propri cuccioli alterna morsetti (molto deboli) a leccatine: in questo caso, ti considera come uno di famiglia!

- Annuncio Pubblicitario -

Come comportarsi con un gatto che morde

Qualsiasi sia la motivazione del morso del tuo gatto, può essere doloroso o fastidioso. Ecco, quindi, alcuni suggerimenti per portarlo a smettere (ed evitare di subire i suoi attacchi). Prima di tutto, quando sei con lui, cerca di non usare mai le tue mani come un gioco, anche quando è ancora un cucciolo. Usa dei giochi appositamente per gatti: eviterai che il felino, una volta adulto, ti faccia degli agguati alle mani, come fossero le sue prede. Inoltre, non accarezzarlo troppo a lungo, perché potresti sovrastimolarlo e portarlo a morderti. Quando ti morde, poi, sgridalo con decisione e fermezza e smetti di dargli attenzioni, spostandoti da un’altra parte della casa: capirà che non gradisci questo suo atteggiamento.

Leggi anche: Rowan, il micino abbandonato che ha trovato una sorellina

Gli animali mi sono sempre stati un po' indifferenti finché un ex fidanzato non mi ha costretto a una convivenza con la sua "boxerina" di 40 kg. Mi sono ripresa dal trauma e, oggi, sono io a fermare tutti i cani per strada per una carezza, sperando nella pazienza dei loro proprietari...