Torsione dello stomaco nel cane: il post operatorio

torsione stomaco cane post operatorio
Ecco come affrontare il post operatorio della torsione dello stomaco del cane. © Pixabay

Ogni intervento chirurgico richiede un periodo di cure e attenzioni per far tornare il paziente in splendida forma. Per la torsione dello stomaco del cane, come gestire il post operatorio? Ecco qualche consiglio per te.

- Annuncio Pubblicitario -

Come ogni intervento chirurgico, anche quello che richiede la torsione dello stomaco del cane necessita di molte attenzioni, cure e un’adeguata convalescenza, per permettere all’animale di riprendersi del tutto e ritornare ad una vita normale.

Essendo un’operazione molto delicata e d’urgenza ha un post operatorio impegnativo, anche perché il cane ha rischiato la vita e probabilmente si ritrova senza una parte di stomaco per via di un’eventuale necrosi dovuta alla torsione. Ecco come affrontare la situazione, per far sì che il nostro amico peloso torni in splendida forma.

Che cosa è la torsione gastrica del cane?

La torsione dello stomaco del cane è una problematica molto grave che può colpire improvvisamente i cani di taglia grande, soprattutto quelli delle razze più predisposte a soffrirne, come alani e pastori tedeschi (ma anche setter, dobermann e altri cani grossi).

Si tratta di un rigonfiamento dell’addome, con dilatazione e torsione dello stomaco che provoca forte dolore e conati di vomito continui senza espulsione di materiale gastrico. Il cane appare subito molto debilitato e può morire nel giro di poche ore se non sottoposto subito alle cure necessarie.

Non è da sottovalutare proprio a causa del fatto che si tratta di una patologia acuta che deve essere trattata e riconosciuta tempestivamente, soprattutto se il cane appare già a terra e non riesce a tenersi sulle zampe.

- Annuncio Pubblicitario -

Trattamento della torsione allo stomaco del cane

La torsione allo stomaco prevede come unica soluzione per evitare che il cane muoia (c’è un’alta incidenza di mortalità) un’operazione chirurgica d’urgenza. Non appena si arriva in clinica il veterinario accerta la condizione del cane e procede con la decompressione dello stomaco, fortemente dilatato, e con una lavanda gastrica, poi si passa all’intervento vero e proprio.

L’operazione ristabilisce l’equilibrio interno dell’organo, lo aggancia alla parete addominale, in modo che non ricapiti di nuovo ed elimina eventuali zone di necrosi che la torsione potrebbe aver creato. C’è inoltre il controllo di organi adiacenti allo stomaco che potrebbero aver subito danni, tra cui principalmente la milza, che viene rimossa nel caso in cui anch’essa sia in necrosi o potrebbe creare ulteriori complicazioni.

Non c’è altro rimedio per salvare il cane da una situazione del genere: loperazione chirurgica è l’unica via, che può essere fatta anche in via preventiva sui soggetti che potrebbero soffrire di torsione dello stomaco. Nell’intervento preventivo, lo stomaco viene ancorato alla parete addominale, per evitare che in futuro possa girarsi e mettere altamente a rischio la vita del cane.

Torsione dello stomaco del cane: post operatorio

L’operazione per risolvere la torsione dello stomaco del cane e salvargli la vita è molto delicata e, non solo richiede un’attenzione e una tempestività particolare, ma anche un post operatorio piuttosto impegnativo e accurato.

Sarà necessario, infatti, nei giorni che seguono l’intervento, tenere sotto osservazione il cane per qualche giorno, quindi è previsto un ricovero che può essere lungo o corto in base allo stato di salute e al quadro clinico generale dell’animale.

- Annuncio Pubblicitario -

Tra le cose da controllare c’è sicuramente l’andamento del recupero da parte dell’apparato gastrointestinale, per vedere se tutte le funzioni siano tornate alla normalità. Dopodiché va osservato il quadro cardiologico per capire se il cane, operato d’urgenza, ha subito qualche problema a livello cardiaco o se il suo cuore abbia sofferto durante la torsione dello stomaco.

Sarà poi il veterinario a stabilire se ci sia la necessità di seguire una cura farmacologica che possa aiutare il cane a riprendersi alla grande o se, a causa di piccole o grandi complicazioni che richiedono un ricovero più lungo e una cura medica atta a ristabilire la salute del cane, sia necessario procedere in maniera diversa dal normale post operatorio di routine.

Di norma, soprattutto se il cane è giovane e se l’intervento è andato bene e fatto tempestivamente, il ricovero dura un paio di giorni e si consiglia durante la convalescenza e come abitudine quotidiana, di dare al proprio cane pasti meno abbondanti ma più frequenti, in modo da non appesantire il lavoro svolto dallo stomaco.

Leggi anche: Gastrite nel cane e altri problemi allo stomaco

Appassionata di animali fin da bambina, ha scoperto cos'è il vero amore quando ha adottato la sua dolcissima shit-zu.