Acquisto cuccioli: cosa fare in caso di problemi

acquisto cuccioli
Cosa sapere prima di acquistare un cane. @Pixabay

Uno spera che vada sempre tutto bene, ma se da un lato la fortuna è una dea bendata, dall’altro la sfortuna ci vede benissimo. Cosa fare, dunque, in caso di problemi durante o dopo l’acquisto di cuccioli? Ecco qualche suggerimento!

- Annuncio Pubblicitario -

Molte persone hanno avuto il sogno di acquistare un cane appartenente a una razza precisa almeno una volta nella vita. Abituati a vedere tanti cani al cinema, sui libri, in tv e in giro per le strade di tutto il mondo, è facile immaginare se stessi in compagnia di un pastore tedesco, un labrador o un chihuahua. E quando si decide di acquistare dei cuccioli si tengono in considerazione i propri gusti, ma occorre fare attenzione a chi ci si rivolge per non trasformare un sogno in un incubo.

Acquisto cuccioli: cosa c’è da sapere prima di accogliere in casa un cane

Spesso a causa della fretta o del prezzo stranamente vantaggioso, si commettono errori. Se si prende la decisione di dedicare anima e corpo a un animale, è bene fare le opportune ricerche e non fermarsi al primo annuncio di una vendita di cuccioli da privati o in regalo. Quante volte al tg si sentono servizi su cuccioli di razza provenienti dall’est Europa in condizioni disperate, svezzati bruscamente dalla madre, addirittura appena nati, e giunti in Italia in fin di vita? Tante, troppe volte. Per questo motivo quando l’acquisto dei cuccioli deve avvenire in maniera coscienziosa e onesta.

In primis un cucciolo, a prescindere dalla razza di appartenenza, può essere ceduto e venduto dopo 65 giorni, perché prima deve stare con la mamma durante l’allattamento e capire come si vive in compagnia di altri cani, anche se questi sono i suoi fratelli e le sue sorelle. È possibile che, nel caso in cui il cucciolo venga separato prematuramente dal resto della famiglia, possa sviluppare dei comportamenti aggressivi e comportamentali.

- Annuncio Pubblicitario -

Acquistare un cucciolo: come trovare un allevatore?

Nel caso in cui si è particolarmente affezionati ad una razza di cane, meglio rivolgersi solo ad allevatori certificati e sicuri. Per essere un buon allevatore, è bene che gestisca da 1 ad un massimo di 3 razze, perché ogni razza ha le proprie caratteristiche e attenzioni. Pertanto meglio diffidare da chi detiene diverse razze. Un accento va posto anche sul prezzo dei cuccioli. A meno che non si tratti di un amico o parente, non si deve fare molto affidamento su chi vende cuccioli a prezzi fuori mercato, perché molto più bassi rispetto alla concorrenza. Sicuramente ci saranno dei problemi che verranno fuori quando sarà troppo tardi.

Al momento dell’acquisto di un cane sono necessari diversi documenti. Per esempio il padrone dovrà far innestare un microchip dal veterinario, pratica obbligatoria non solo per i cani di razza. In questo modo il cucciolo sarà univoco e il numero composto da 15 cifre, che inizia con il numero 380 per indicare l’Italia come provenienza, sarà collegato al nome e cognome del proprietario, sul libretto sanitario e sul passaporto.

Acquistare un cane: i controlli necessari da fare

Un’altra accortezza da tenere sempre sotto controllo è il tema delle vaccinazioni. Soprattutto per i cuccioli nati da poco, l’allevatore dovrebbe consegnare il cucciolo con almeno una vaccinazione completa, in maniera tale che il cucciolo sia coperto dalle principali malattie infettive. Tutte le azioni devono essere messe per iscritto sul libretto sanitario dell’amico a quattro zampe, con timbro e firma del veterinario. Prima di effettuare l’acquisto di un cucciolo, meglio richiedere al venditore la visita del proprio veterinario di fiducia, così da accertare eventuali patologie, ed eventualmente rivalersi sull’allevatore. Diffidare da allevatori che si spacciano per veterinari, mostrando medicinali da somministrare al cucciolo. Tutto quello che riguarda esami, medicine e analisi deve essere effettuato solo ed esclusivamente da medici veterinari. Tutta questa attenzione non deve essere presa sotto gamba, perché le malattie infettive, hanno un tempo di incubazione di norma tra i 10 e i 15 giorni.

- Annuncio Pubblicitario -

Pertanto se dovessero mostrare malessere, nell’arco di tempo dell’acquisto, è chiaro che il cane era già affetto da malattie pregresse, occulte e gravi. Il compratore deve essere attento a non firmare contratti che prevedono un periodo di garanzia inferiore ai 15 giorni dall’acquisto. Se siete particolarmente attenti all’appartenenza di razza del cane, meglio farsi consegnare il certificato di pedigree per partecipare alle gare cinofile. Queste sono solo alcune delle innumerevoli accortezze da seguire nel momento in cui si acquista un cucciolo di razza. I costi importanti che sono annessi alla vendita, spingono sempre più persone a improvvisarsi allevatori. Si può anche andare presso allevamenti online, purché abbiano una sede fisica da poter controllare e ispezionare.

Leggi anche: Vaccini per cani cuccioli: quali e quanti vanno fatti

Dopo numerosi tentativi per convincere mia madre a prendere un cane, alla soglia dei trent'anni sono riuscita finalmente ad avere il piccolo Argo, trovato da cucciolo abbandonato per strada. Impossibile immaginare la vita senza di lui! Lavoro come giornalista ormai da tanti anni. Scrivo soprattutto di cinema e serie tv, ma la passione per gli animali non è da meno.