Cane inappetente: cause e rimedi

Cane inappetente
Cane inappetente? Le cause possono essere varie e anche molto diverse tra loro. Ecco cosa c’è da sapere. ©Pixabay

I cani vorrebbero mangiare in ogni istante della loro vita: sono degli esserini molto golosi! Un cane inappetente, spesso, è sintomo di un qualche disturbo più grave. Indaga a fondo e scopri tutti i nostri rimedi.

- Annuncio Pubblicitario -

Cane inappetente? Le cause possono essere numerose e diversissime tra loro, anche a livello di gravità, per questo è indispensabile conoscere le motivazioni che possono influire sulle abitudini alimentari di Fido e tener presente i rimedi utili che, ovviamente, variano a seconda del caso. Ecco, quindi, cosa c’è da sapere quando ci si trova di fronte a un cane inappetente.

Cane che non mangia o cane che mangia poco?

La prima cosa da capire prima di poter parlare di cane inappetente è se il cane non mangia o se, invece, il cane mangia poco. L’inappetenza, infatti, rappresenta una problematica reale (anche se, come si vedrò, nella maggior parte dei casi è legata a un disturbo temporaneo e non deve preoccupare troppo) mentre una semplice flessione nella golosità abituale del quattro zampe è assolutamente fisiologica ed è solo la riprova del fatto che i cani, proprio come gli umani, non hanno sempre il medesimo appetito. Meglio, se il cane mangia poco ma comunque si alimenta con regolarità e costanza, cercare di non forzarlo eccessivamente aspettando a consultare il veterinario solo se il problema persiste nel tempo o se il quattro zampe riduce troppo il volume dei suoi pasti. In questo caso, probabilmente, lo specialista suggerirà un cambiamento nella sua alimentazione per trovare il miglior cibo per cani che, nel caso specifico, sarà il più adatto a restituire il normale appetito al nostro amato Fido.

Inappetenza cane: cause comuni

Fido normalmente è un mangione ma nell’ultimo periodo resta indifferente di fronte alla ciotola? La (finora) ghiottissima Fuffy improvvisamente è impermeabile al richiamo dei pasti? La prima cosa da fare per affrontare l’inappetenza del cane è un’indagine sul suo passato recente. Spesso, infatti, il cane inappetente lo è per un improvviso cambiamento nelle sue abitudini che possono causargli un piccolo (e facilmente recuperabile) trauma facendo calare, di conseguenza, il suo appetito. Un trasloco, l’arrivo di un nuovo membro della famiglia ma anche un cambiamento nella routine quotidiana del suo padrone, con un conseguente cambio negli orari delle passeggiate o nella quantità di tempo trascorso insieme, rientrano tra queste problematiche “transitorie” e possono essere facilmente superate. Se, invece, con il tempo l’appetito non torna e dunque la problematica persiste è importante sottoporre il cane di casa a una visita veterinaria nella quale lo specialista potrà verificare l’eventuale presenza di problematiche cliniche legate all’inappetenza del cane.

- Annuncio Pubblicitario -

Problemi di salute del cane inappetente

Infatti se si escludono le situazioni transitorie e il cane inappetente continua, nel tempo, a rifiutare il cibo sarà solo il veterinario che potrà determinare la causa reale del problema. Alcuni problemi fisici, infezioni, malattie, dolori o patologie più gravi si manifestano infatti proprio con l’inappetenza che, se prolungata, viene definita anoressia canina e deve essere curata da un esperto con una terapia ad hoc.

Il mio cane non mangia: come stimolare l’appetito

Escluse le cause patologiche dell’inappetenza, se il cane non mangia è comunque possibile cercare di stimolare il suo appetito con una serie di attenzioni ricordando che l’appetito di Fido – proprio come quello dei “due zampe” – non è sempre uguale e dunque è possibile che il cane di casa alterni momenti di maggior fame a periodi (magari collegati al cambio di stagione o all’arrivo dei primi caldi) durante i quali la ciotola della pappa non manifesta per lui una priorità assoluta.

Quando il cane non mangia, comunque, il primo suggerimento utile è quello di combattere l’inappetenza con la regolarità proponendo i pasti sempre allo stesso orario (e sempre nella stessa ciotola che dovrà essere pulita ogni volta con attenzione), limitando gli snack e i bocconcini premio e non discostandosi dalla dieta abituale (che deve, ovviamente, seguire i consigli del veterinario). Se questi suggerimenti non dovessero sortire l’effetto sperato ci si potrà quindi interrogare se il cane inappetente lo è perché la sua dieta è sbagliata. Un’alimentazione sempre uguale a sé stessa, così come una dieta troppo varia e discontinua, potrebbero infatti creare confusione nel quattro zampe ed essere la causa della sua inappetenza.

- Annuncio Pubblicitario -

Leggi anche: Crocchette per cani, come scegliere il miglior cibo secco

Cresciuta tra i San Bernardo mi sono convertita - da ormai un lustro abbondante - alla (piacevolissima) compagnia di Clicquot, una Beagle dal carattere frizzante come lo champagne del quale porta il nome. Faccio la giornalista da sempre, occupandomi di tutto un po', ma il mio habitat naturale è il fashion e ho un PhD in Semiotica della Moda.