Giornata Mondiale contro la Rabbia: 5 cose da sapere

giornata mondiale contro la rabbia
Nella giornata mondiale contro la rabbia conosciamo meglio questa malattia. © Pixabay

Nella Giornata Mondiale contro la Rabbia vi spieghiamo cinque cose di questa malattia che può essere molto pericolosa per uomini e animali.

- Annuncio Pubblicitario -

Il 28 settembre si celebra la Giornata Mondiale contro la Rabbia, una malattia che colpisce esseri umani e animali e che può essere mortale. Proprio a causa della sua pericolosità è bene conoscere alcune basi fondamentali non solo per evitarla, ma anche per riconoscerla e curarla. Ecco cinque cose da sapere sulla rabbia.

Cos’è la rabbia?

La rabbia è una malattia infettiva e virale, che si trasmette tramite morso dell’animale infetto e spesso si rivela mortale. Soprattutto nei cuccioli l’esito può essere gravissimo, perché questa patologia colpisce soprattutto le vie aeree con lesioni nervose e spasmi muscolari. In pratica agisce sul sistema nervoso provocando danni spesso irreversibili.

Sintomi della rabbia, come riconoscerla?

La rabbia presenta dei sintomi diversi a seconda dei casi e dell’animale. Di solito si ha difficoltà respiratoria, accompagnata da spasmi muscolari e tono di voce alterato. Anche il comportamento del cane cambia, che diventa aggressivo e diverso dal solito; inoltre si possono presentare convulsioni e salivazione abbondante ed eccessiva.

- Annuncio Pubblicitario -

La rabbia si trasmette all’uomo

La rabbia è una malattia che può contagiare e colpire anche l’uomo. L’animale infetto, che può essere un cane, un topo, un pipistrello, ma anche le volpi e tutta la fauna selvatica, mordendo l’essere umano può trasmettergli la rabbia. Anche il contatto fra due ferite aperte, di cui una infetta, può passare la malattia, quindi è bene stare molto attenti soprattutto se si ha un cane in casa che è stato contagiato.

Meglio prevenire che curare

Visto che la rabbia è una malattia difficile da curare senza lasciare tracce e il più delle volte è mortale, soprattutto se colpisce i cuccioli e i cani giovanissimi, è meglio prevenirla. Importantissimo in questo caso il vaccino antirabbico che si somministra al cane nei primi mesi di vita. Non sottovalutate la cosa e non date per scontato che essendo, magari, il vostro cane un animale molto casalingo non potrebbe mai incappare in questo problema. Il vaccino è la soluzione ideale e definitiva per evitare la rabbia.

Cosa fare in caso di morso da animale malato?

Nel caso in cui il vostro cane venga morso da un animale infetto è bene lavare immediatamente la ferita con acqua e bicarbonato e poi far visita tempestivamente al veterinario. Stessa cosa vale per l’uomo: se ad essere contagiati siamo noi, meglio un bel lavaggio del morso con acqua e sapone e poi andare presto dal medico. Evitate qualsiasi rimedio fai da te.

- Annuncio Pubblicitario -

Leggi anche: Rogna del cane: sintomi della rabbia e cure

Appassionata di animali fin da bambina, ha scoperto cos'è il vero amore quando ha adottato la sua dolcissima shit-zu.