Quali gesti usare per educare il cane?

educare il cane
I gesti vengono usati dai padroni per educare il cane: ma come si fa? E quali gesti si usano? © Pixabay

Educare il cane è un’arte: si può apprendere a livello professionale, facendo corsi e anni di studio, oppure a livello più amatoriale informandosi e mettendo in pratica alcuni gesti molto semplici. Eccone alcuni a tua disposizione!

- Annuncio Pubblicitario -

Per noi italiani è del tutto normale: gesticolare quando si parla significa sottolineare quello che si sta dicendo con l’uso di dita, mani e braccia. Tradizione poco capita (ma molto apprezzata) all’estero, quello dei gesti può tuttavia diventare un ottimo metodo che chiunque (non solo gli italiani) è in grado di usare per educare il cane. Certo, non si tratta più di gestualità complesse e contratte, tipiche del linguaggio umano, che accompagnano concetti lunghi e interi periodi, quanto di comandi vocali concisi che vengono abbinati a movenze chiare che incitano il cane a compiere (o non compiere) un’azione. Vediamo insieme di cosa si tratta.

Qualche riflessione preliminare sui gesti per educare il cane

Come abbiamo detto, i gesti servono a ottenere qualcosa da un cane, sia essa la sua attenzione o l’obbedienza a un comando. Ma già a questo punto è bene fare una precisazione: il cane non deve essere trattato come un robot che risponde al comando. Questa, infatti, sarebbe un’attività fine a se stessa e sortirebbe l’effetto contrario a quanto sperato da un padrone, ossia farsi ascoltare solo sul momento al semplice scopo di ottenere in cambio il tanto agognato bocconcino di cibo. Quello che deve essere alla base dei gesti, piuttosto, è un gioco che deve essere interiorizzato dal cane, in modo che lo possa ricordare e ripetere ogni volta che si troverà in una data situazione.

- Annuncio Pubblicitario -

Non solo. La maggior parte delle persone che si apprestano a educare il cane utilizzando i gesti tende a ripetere lo stesso gesto per una vasta gamma di comandi da impartire (indice in alto e “seduto”, o “no”, o, ancora, “zampa”). C’è però da ricordare che un cane non è dotato della favella e, allo stesso tempo, non è in grado di comprendere la nostra lingua. Ecco perché a ogni comando vocale deve essere abbinato un gesto diverso: solo in questo modo il cane lo potrà capire, fare proprio e ripetere ogni volta che lo vedrà.

Tecniche di addestramento cani: i gesti

Fatte queste (doverose) riflessioni, possiamo passare a vedere quali sono i principali gesti da impartire per educare il cane.

- Annuncio Pubblicitario -
  • Luring: letteralmente “adescamento”, si tratta di una tecnica con cui si insegna al cane a seguire la propria mano, prima in maniera molto semplice e poi aumentando via via la difficoltà del percorso. L’adescamento è dovuto al boccone che il padrone deve tenere in mano e che deve somministrare al cane solo dopo che quest’ultimo ha compiuto il percorso richiesto: quest’ultimo va dal semplice passaggio sotto le gambe allo slalom tra bottiglie, dal passaggio sotto al tavolo o tra le sedie, unite tra loro a mò di tunnel.
  • Guarda: comando molto semplice, è accompagnato ancora una volta da un bocconcino nella mano che deve essere brevemente annusato dall’amico peloso prima che venga portato verso il proprio viso. Solo nel momento in cui gli sguardi si incrociano è sufficiente dire “guarda” per ottenere la sua attenzione.
  • Seduto: in questo caso, la mano recante la ricompensa deve essere posta poco sopra la testa del cane in modo che questo si sieda per potere raggiungere quanto desiderato. Solo nel momento in cui la parte posteriore del cane poggia terra è bene impartire l’ordine del “seduto” e, subito dopo, ricompensare l’animale con quanto era nella mano sopra alla sua testa.
  • Fermo: si tratta di un comando che può essere usato per tenere seduto il cane, ma anche per bloccarlo dal compiere un’azione, specie in situazioni di pericolo. Anche in questo caso il comando deve essere impartito con decisione, mentre la mano deve essere bene in vista a sottolineare il comando.

Altri consigli per addestrare il cane all’obbedienza

In linea di massima, in questo tipo di attività è importante potersi sempre rivolgere a un addestratore cinofilo che segua passo dopo passo tanto il cane quanto il padrone nell’impartizione e nell’apprendimento dei gesti che abbiamo poco sopra elencato. Il lavoro a casa è importante, ma potere testare i risultati raggiunti con uno specialista del settore migliorerà non solo la tecnica, ma anche gli obiettivi che ci si è prefissati di raggiungere.

Leggi anche:  L’apprendimento del cane attraverso il condizionamento operante

Classe 1989, sono laureata in Scienze dei Beni Culturali e in Storia e Critica dell'Arte all'Università degli Studi di Milano. Dopo avere frequentato la Scuola di Giornalismo Walter Tobagi di Milano, sono diventata giornalista professionista. Amo viaggiare e scrivere di Street Art e Graffiti, per questo ho aperto un blog (https://anotherscratchinthewall.com/), un'associazione culturale (Grafite HB) e tengo Street Art Tour a Milano.