Wall-E, il gattino coraggioso che ha fatto di tutto per essere salvato

gattino bloccato nel muro
Un gattino ha fatto di tutto per farsi salvare. © Pixabay

Wall-E è un gattino coraggioso che però se l’è vista brutta e per farsi salvare da morte certa ha fatto di tutto. Una storia di amore e coraggio che vale la pena leggere.

- Annuncio Pubblicitario -

Se i gatti hanno 7 vite Wall-E non voleva perderne di certo neppure una e, pur essendo piccolissimo, è riuscito ad infilarsi in una situazione pericolosissima dalla quale, però, ha fatto di tutto per essere salvato. L’istinto di sopravvivenza e la sua voglia di vivere hanno giocato un ruolo fondamentale, quasi incredibile per un animale.

La storia di Wall- E

A raccontare la storia del gattino coraggioso è Christine, un’addestratrice di cavalli che ha assistito alla scena. Wall-E si era infilato nell’intercapedine del muro di un’abitazione, in California. Il caldo era torrido e il gattino sarebbe andato incontro a morte certa se non avesse cominciato a miagolare così forte ed insistentemente, tanto che i proprietari della casa non hanno potuto non notarlo, nonostante il muro attutisse il miagolio. Così, cercando di capire da dove provenisse quel richiamo hanno cominciato a martellare il muro fino a fare dei buchi e trovare il piccoletto: un cuccioletto color arancio di soli tre giorni e senza mamma.

- Annuncio Pubblicitario -

Il lieto fine

Così i suoi soccorritori sono corsi subito dal veterinario che l’ha immediatamente visitato e ha chiesto alla sua amica Christine di prendersene cura per un po’ e svezzarlo. Dopo tante notti insonni e molte di quelle amorevoli cure di cui ogni cucciolo necessita, Christine non è riuscita a non adottarlo, tenendoselo con sé e gli altri due suoi gattoni, con cui Wall-E è diventato subito amico, anche se non ha mai smesso di cercare coccole dalla sua padroncina.

Leggi anche: L’amore salva un gatto dal destino più triste

Appassionata di animali fin da bambina, ha scoperto cos'è il vero amore quando ha adottato la sua dolcissima shit-zu.