La dentatura del cane

dentatura cane
La dentatura del cane svolge un ruolo importante per la sua salute © Pixabay

I denti servono per sorridere, certo, ma soprattutto per mangiare. La dentatura del cane è simile a quella umana anche se con alcune differenze significative nel trattamento. Scopri tutto sui denti del cane.

- Annuncio Pubblicitario -

I denti del cane da una parte mettono un po’ di timore, dall’altra però sono fondamentali per il benessere dell’animale e proprio per questo devono essere trattati con cura, senza sottovalutarli. Un controllo periodico, infatti, e alcune accortezze quotidiane fanno sì che la dentatura del cane rimanga sempre in salute e assicuri una buona masticazione e digestione, cose fondamentali per il cane, così come per gli uomini. Ecco tutto quello che c’è da sapere.

Denti del cane: la dentatura di cuccioli e adulti

Come gli essere umani, anche i cani nascono senza denti, che si sviluppano dopo 15-20 giorni dalla nascita e che crescono fino al compimento dei quattro mesi di vita. Un processo graduale e relativamente veloce che fa parte della crescita dell’animale e che avviene senza particolari problemi.

Fondamentali fin dalle prime settimane, i denti sono utilizzati per mordicchiare, ma soprattutto e principalmente per mangiare e nutrirsi e la fase più delicata della loro formazione avviene proprio quando da quelli da latte, il cane passa a quelli da adulto, nel periodo del cambio denti.

Quando cambiano i denti del cane

Il momento che corrisponde al cambio denti nel cane avviene intorno ai quattro mesi di vita del cucciolo, fase in cui quest’ultimo passa dall’avere i denti da latte, quindi meno numerosi, più morbidi e piccoli, a possedere la dentatura definitiva, quella di un animale adulto. Il processo dura circa 55 giorni dall’inizio alla fine, tempo che può variare (di poco) in base alla razza e alla grandezza dell’animale.

Cambio denti del cane

La fase di crescita del cane che comprende il cambio dei denti è particolarmente delicata, anche se generalmente avviene senza problemi. I primi denti che si fanno spazio al posto di quelli da latte sono i premolari, seguiti dagli incisivi superiori e inferiori.

- Annuncio Pubblicitario -

Il processo può essere leggermente doloroso e pare (si nota il più delle volte) che il cane durante il cambio denti prenda l’abitudine passeggera di mordicchiare con più foga, giocattoli e qualunque cosa gli capiti a tiro, gesto che compie forse per dare sollievo alle gengive doloranti.

Qualche volta il cambio denti non va del tutto liscio e può capitare che spuntino i denti definitivi senza che i relativi denti da latte siano caduti. In questo caso è opportuno rivolgersi al veterinario per evitare eventuali problemi futuri dovuti ad una scorretta occlusione della mandibola.

Quanti denti ha un cane?

I denti decidui del cane (ovvero quelli che sviluppa all’inizio e poi cadranno) sono 28: i 12 incisivi, 12 premolari e 4 canini. La fase del cambio denti del cane trova il suo totale completamento intorno al compimento della fine del sesto mese con una dentatura che si distingue per la presenza totale di 42 denti permanenti.

Sulla parte superiore ci sono: 6 incisivi, 2 canini, 8 premolari e 4 molari; nella dentatura inferiore, sulla mandibola, sono presenti invece lo stesso numero di incisivi, cani e premolari, con due molari in più rispetto alla parte sopra.

Come lavare i denti al cane

Ci sono molti modi per preservare, curare e mantenere in salute la dentatura del cane. Di solito in commercio esistono dei bastoncini dalla forma anatomica particolare, che si adattano perfettamente ai denti e li igienizzano, penetrando in profondità. Inoltre si possono lavare i denti del cane, così come si fa per quelli dell’uomo, ma munendosi di una dose enorme di pazienza.

- Annuncio Pubblicitario -

Innanzitutto conviene abituare il cane a questa pratica sin da quando è cucciolo, in modo che con il tempo diventi tutto più semplice. Come lavare i denti del cane, quindi? Servono un dentifricio specifico per cani, così come uno spazzolino ad hoc, da cambiare periodicamente e soprattutto in base alla crescita del cane durante i mesi. Occorre poi un catino di acqua tiepida per risciacquare.

Per far sì che il cane accetti con tranquillità il trattamento è meglio fargli “assaggiare” prima di procedere, il dentifricio, in modo che si abitui al sapore e poi, con calma e cura, spazzolare prima i denti posteriori (più difficili da raggiungere) e poi passare al resto della dentatura. Si possono lavare i denti del cane anche tutti i giorni, ma per non sottoporre l’animale ad uno stress inutile, meglio farlo ad intervalli più lunghi, lasciando che la pratica diventi un gioco piuttosto che un obbligo.

Leggi anche: 11 piante velenose per cani: quali sono e cosa fare

Appassionata di animali fin da bambina, ha scoperto cos'è il vero amore quando ha adottato la sua dolcissima shit-zu.