Poncho: il cucciolo eroe arriva dalla Spagna

La performance del cane spagnolo in forza alla polizia di Madrid che rianima (durante un’esercitazione) il suo padrone svenuto consacra Poncho nuovo eroe della rete. 

- Annuncio Pubblicitario -

Poncho è solo un cucciolo ma la sua fama, ormai, è grandissima. Lui è un cocker spaniel che, nelle vesti di cane medico in forza alla polizia di Madrid, si è conquistato un posto d’onore – a suon di like e condivisioni – tra gli eroi a quattro zampe più apprezzati in rete. Perché? Presto detto.

Il cane rianima il padrone svenuto

Durante un’esercitazione della polizia spagnola, infatti, un agente ha fatto finta di svenire cadendo per terra e l’attento Poncho è immediatamente intervenuto per rianimarlo eseguendo la complicata manovra alla perfezione. Il video che immortala la performance impeccabile del cucciolo è stato poi condiviso in rete dalla polizia municipale di Madrid e il successo del giovane cocker è stato immediato, con più di due milioni di visualizzazioni in pochissimo tempo.

Il tweet della polizia di Madrid

E se la maggior parte degli utenti 2.0 si è commossa per l’exploit di Poncho, che non ha esitato un solo istante a prodigarsi per soccorrere il suo amico in (apparente) difficoltà, sono stati in tanti ad apprezzare anche il messaggio della polizia. «Esibizione eroica del nostro Poncho – si legge infatti nel cinguettio condiviso più di 20mila volte – che non ha esitato un attimo a salvare la vita dell’agente, praticando l’RCP in modo magistrale. Il cane è l’unico essere al mondo che ti amerà più di quanto tu ami te stesso». E perché sempre più persone possano provare questo amore, la stessa polizia ha lanciato #adopta, un hashtag ad hoc per promuovere l’adozione degli amici a quattro zampe.

- Annuncio Pubblicitario -

Leggi anche: Ecco il cane più brutto del mondo, ma per una buona causa

Cresciuta tra i San Bernardo mi sono convertita - da ormai un lustro abbondante - alla (piacevolissima) compagnia di Clicquot, una Beagle dal carattere frizzante come lo champagne del quale porta il nome. Faccio la giornalista da sempre, occupandomi di tutto un po', ma il mio habitat naturale è il fashion e ho un PhD in Semiotica della Moda.